Red Hat's company logo; a shadowy figure known as Shadowman.

Studio di Forrester

An examination into the motivations and practices of public cloud migrators

Cloud migration is actively embraced, but not for everything

Nella prima parte di questo studio condotto da Forrester, gli odierni leader dell'IT condividono le ragioni della migrazione al cloud, le sfide che hanno affrontato e le lezioni che hanno appreso.

Le aziende hanno ormai compreso l'importanza della migrazione delle applicazioni esistenti nel cloud pubblico. La maggior parte di esse indica il basso costo e i tempi ridotti della scalabilità come le ragioni principale di tale scelta. La migrazione non è tuttavia una soluzione adatta ad ogni scenario. Sebbene la maggior parte delle aziende preveda, con tale operazione, di trasferire 100 o più carichi di lavoro, sarà necessario rivedere e predisporre molte applicazioni, e gli ambienti in cui esse operano. La migrazione può rivelarsi complessa e richiede una strategia ben concepita, a cui dovrà far seguito un'implementazione sapientemente eseguita.

L'opinione dei 300 dei leader IT è concorde:

  • La migrazione al cloud è essenziale per la trasformazione digitale
  • Costo e scalabilità sono fattori cruciali nella scelta della migrazione
  • Problematiche normative, di sicurezza, e investimenti nell'assunzione e nella formazione del personale ostacolano la migrazione
  • Esistono molteplici approcci alla migrazione, ma occorre eseguire le dovute analisi per valutare la possibilità effettiva di trasferire determinate app e carichi di lavoro

Leggi i vantaggi e le sfide della migrazione al cloud, raccontati da oltre 300 aziende.