Storia di successo

Banco Azteca riduce i costi infrastrutturali del 40%

Banco Azteca è una delle più grandi banche messicane. Per predisporre il proprio ambiente IT a una crescita futura, l'azienda ha collaborato con Red Hat® Consulting e Red Hat Training per passare da un'infrastruttura UNIX proprietaria a un ambiente completamente standardizzato, in esecuzione su Red Hat Enterprise Linux®. I risultati sono stati straordinari: una diminuzione del 40% dei costi di manutenzione e supporto, un calo del 99% degli errori applicativi, un miglioramento del 50% dei tempi di risposta delle applicazioni e una riduzione del 40% dei costi infrastrutturali.

Cliente dal

2009

Città del Messico, Messico

Settore dei servizi finanziari

Obiettivo

Standardizzare l'architettura legacy per ottimizzare la sicurezza, ridurre gli errori applicativi e supportare la crescita nel lungo periodo.

Hardware

  • 500 server in un processore Intel 40-core

Red Hat Enterprise Linux offre una soluzione robusta, efficiente e sicura a un costo contenuto. In combinazione con altre offerte Red Hat, ci ha aiutato a migliorare i servizi erogati ai nostri clienti.

Efraín Carballo, Director di Technology Services, Banco Azteca

Un'infrastruttura IT come solida base per la crescita futura

Banco Azteca è attivo in Brasile e in sei paesi dell'America Latina. Con oltre 6,8 milioni di conti di risparmio e 9 milioni di conti di credito, l'azienda è uno dei più grandi istituti bancari del Messico e continua a crescere a ritmo sostenuto.

Una crescita di questo tipo può tuttavia costituire un problema importante per il reparto IT. Nel 2009, il team di Banco Azteca ha iniziato a cercare una piattaforma standardizzata che fosse in grado di assicurare un supporto efficiente per un numero sempre più ampio di transazioni, condotte su vasta scala. Nello specifico, la preoccupazione maggiore derivava dall'aumento sensibile di errori delle applicazioni, che impedivano ad alcuni clienti di effettuare versamenti o di confermare la propria identità. Dopo un attento esame delle opzioni disponibili sul mercato, il team IT non ha avuto difficoltà a capire che la soluzione migliore era migrare da un'infrastruttura proprietaria a una piattaforma open source più economica.

Una piattaforma più sicura e scalabile con prestazioni superiori

Banco Azteca ha quindi eseguito la migrazione da un insieme composito di sistemi operativi UNIX a un ambiente interamente standardizzato, con 500 server HP e Intel in esecuzione su Red Hat Enterprise Linux. Grazie a Red Hat JBoss Enterprise Application Platform, le applicazioni di Banco Azteca vengono sempre eseguite nel modo più efficiente ed efficace possibile.

In quanto base conveniente per una crescita futura, le tecnologie di Red Hat assicurano a Banco Azteca tutta la flessibilità e la scalabilità necessarie per rispondere alle esigenze mutevoli del clienti, nonché le prestazioni indispensabili per soddisfare e perfino superare le aspettative attuali per quanto riguarda l'esperienza dell'utente. "Red Hat Enterprise Linux offre una soluzione robusta, efficiente e sicura a un costo contenuto. Insieme ad altre offerte di Red Hat, ci ha permesso di fornire servizi migliori ai nostri clienti" ha dichiarato Efraín Carballo, Director di Technology Services presso Banco Azteca.

Per implementare il nuovo ambiente di Banco Azteca è stata fondamentale l'assistenza fornita da Red Hat Consulting, che ha operato affinché la nuova infrastruttura fosse basata sulla migliore progettazione esistente per prestazioni ottimali. Anche Red Hat Training ha svolto un ruolo indispensabile nell'implementazione, poiché ha offerto al personale di Banco Azteca tutti gli strumenti, le competenze e perfino le certificazioni necessarie per utilizzare al meglio il nuovo ambiente.

Nel 2014 Jorge Juárez Acevedo, IT Manager di Banco Azteca, è stato nominato Red Hat Certified Professional of the Year. Grazie alle competenze in qualità di Red Hat Certified System Administrator (RHCSA), Red Hat Certified Engineer (RHCE), Red Hat Certified Virtualization Administrator (RHCVA) e Red Hat Certified Datacenter Specialist (RHCDS), Acevedo aveva l'esperienza pratica necessaria per aiutare il team IT dell'azienda a eseguire la migrazione verso la nuova infrastruttura e a garantire l'operatività dei servizi 24 ore su 24.

Miglioramenti misurabili a tutti i livelli

Per Banco Azteca, i risultati sono stati straordinari: i costi di supporto e manutenzione sono diminuiti fino al 40% e la velocità di esecuzione delle applicazioni d'importanza critica non è mai stata tanto elevata. Il sistema, infatti, registra soltanto 10 transazioni a velocità ridotta al giorno, il che costituisce un miglioramento del 99% rispetto alle 1000 transazioni della media giornaliera precedente. Grazie alla migrazione, l'azienda è stata inoltre in grado di eliminare i componenti inutilizzabili delle applicazioni legacy, migliorando i tempi di risposta del 50%. Ricorrendo a processori Intel di costo ridotto, la banca è riuscita a ridurre del 40%, una cifra eccezionale, i costi dell'infrastruttura.

Un risultato forse ancora più importante è il miglioramento straordinario dell'esperienza dei clienti. Il tempo di risposta medio per le transazioni di credito è oggi inferiore a un secondo. Inoltre la piattaforma web sicura di Red Hat consente alla banca di erogare report cronologici sul credito in modo più che mai sicuro e riservato.

Ulteriori informazioni