Cerca
Italiano
Italiano
Accedi Account
Accedi / Registrati Account
Website

Storia di successo

Ford Motor Company sceglie una piattaforma cloud per ottimizzare la distribuzione

icona video

Panoramica

Ford Motor Company si impegna a fornire soluzioni per la mobilità a prezzi accessibili a tutti i suoi clienti, inclusi concessionari autorizzati e distributori di ricambi. Per accelerare la distribuzione e semplificare la manutenzione, Ford ha adottato una piattaforma cloud containerizzata basata su Red Hat OpenShift e supportata dalla tecnologia Sysdig, con la quale ha rinnovato le applicazioni esistenti e stateful. Grazie alla nuova piattaforma, Ford ha registrato un aumento della produttività del supporto Containers-as-a-Service.


Con OpenShift abbiamo realizzato un framework uniforme, che possiamo riutilizzare per il deployment di un'applicazione o di un servizio, visto che ogni provider cloud è compatibile con Kubernetes. Ora possiamo distribuire le funzionalità in modo più sicuro e affidabile.

Jason Presnell
CaaS product service owner, Ford Motor Company
Logo Ford

Settore

Automobilistico


Area geografica

N/D


Sede centrale

Dearborn, Michigan, Stati Uniti


Dimensioni

190.000 dipendenti


Scarica il caso cliente

Innovare per una distribuzione più rapida

Le business unit di Ford ospitano una community di sviluppo consolidata e attiva. La collaborazione tra centinaia di migliaia di dipendenti e su migliaia di applicazioni e siti interni ha tuttavia originato difficoltà che i convenzionali ambienti IT e gli approcci allo sviluppo di Ford non riuscivano a superare. Malgrado gli hypervisor e le macchine virtuali, l'azienda faticava a tenere il passo con un impiego inefficiente delle risorse e costi elevati del personale. Serviva un nuovo ambiente che permettesse un utilizzo più efficiente delle risorse.

riunione in piedi

Automatizzare attraverso container e soluzioni per la sicurezza

Con l'obiettivo di modernizzare le applicazioni stateful esistenti e ottimizzare l'impiego dell'hardware, Ford puntava a supportare i propri datacenter con container, interfacce di programmazione delle applicazioni (API) e soluzioni per l'automazione. Dopo aver valutato diverse soluzioni Kubernetes, l'azienda ha deciso di passare a Red Hat OpenShift Container Platform e di adottare Red Hat Quay. Ha inoltre scelto la tecnologia Sysdig, una soluzione di sicurezza Kubernetes certificata da Red Hat, per aggiungere visibilità e protezione alle fasi di sviluppo e produzione.

auto al tramonto

Software e servizi

Aumento della produttività e diminuzione dei costi

Il nuovo ambiente multitenant Red Hat OpenShift consente a concessionari e tecnici degli impianti di accedere più rapidamente a nuove funzioni, correzioni e aggiornamenti. Oggi, molti processi relativi ai carichi di lavoro stateful richiedono meno tempo, e l'azienda ha registrato un incremento della produttività del supporto Containers-as-a-Service. Abbattendo i costi di investimento iniziale per l'hardware, il passaggio a un approccio containerizzato ha permesso risparmi costanti per continuare a rinnovare le applicazioni legacy ed eseguirne la migrazione.

All'inizio, abbiamo eseguito OpenShift in un parco hardware completamente dismesso dal datacenter per essere rottamato. Quell'hardware è stato ripristinato e oggi è utilizzato in produzione per l'esecuzione di OpenShift.

Jason Presnell
CaaS product service owner, Ford Motor Company

Storie correlate

Lockheed Martin

Logo Lockheed Martin

Lockheed Martin trasforma i processi di sviluppo e accelera la distribuzione

Paychex

Logo Paychex

Paychex adotta lo sviluppo agile accelerando l'erogazione dei servizi ai clienti

UPS

Logo UPS

UPS si affida a Red Hat per ottimizzare i servizi di tracking e consegna

Red Hat Open Innovation Labs

Red Hat Open Innovation Labs

L'open source è alla base dell'innovazione. Basti pensare ai clienti Red Hat che, grazie alle tecnologie open source, hanno rivoluzionato il loro modo di lavorare. Siamo fieri di chiamarli "innovatori nell'open source" e di condividere le loro esperienze.

Leggi le loro storie