Preferenze globali di Red Hat

Esplora

Scopri le novità dei clienti Red Hat di tutto il mondo:

Storia di successo

Red Hat e IBM

Le soluzioni Red Hat e IBM offrono alle aziende tutto il necessario per creare un'infrastruttura IT robusta. Le piattaforme hardware IBM sono progettate per carichi di lavoro di qualsiasi dimensione e l'intera gamma di prodotti hardware IBM esegue Red Hat® Enterprise Linux®. Red Hat e IBM consentono alle aziende di attuare una trasformazione IT completa per rispondere alle sfide attuali più importanti.

Partner dal

1998

Armonk, NY

Settore tecnologico

Obiettivo

Fornire infrastrutture IT per la migrazione delle aziende da architetture limitate a moderni datacenter.

Hardware

  • IBM Power Systems
  • IBM Pureflex System
  • IBM Flex System e BladeCenter
  • IBM System x
  • IBM NeXtScale System e x iDataPlex
  • IBM z Systems™

Il vantaggio è che IBM è nota per il suo supporto di Linux come un ambiente operativo pratico e conveniente per i clienti di livello enterprise. Collaboriamo con Red Hat da molti anni, con tutti i tipi di clienti, in tutto il mondo.

Kelly Beavers, VP e Business Line Executive for System x Software, IBM

IBM e Red Hat: soddisfazione della domanda con un approccio flessibile all'IT

Grandi quantità di dati, nuovi modelli informatici e aumento delle piattaforme mobili e social stanno provocando un cambiamento radicale nelle priorità del settore IT. I mainframe continuano ad avere un ruolo molto importante nell'infrastruttura di datacenter, ma molti reparti IT si affidano alle piattaforme Linux per estendere il potere di queste risorse preziose.

Al passo con l'esigenza di mobilità

La mobilità ha un grande impatto sulle tradizionali infrastrutture IT. Gli utenti possono accedere alle reti aziendali da casa o dall'ufficio, in qualsiasi momento. Le architetture IT in grado di espandersi e contrarsi sono fondamentali per la gestione di queste fluttuazioni imprevedibili della domanda. Per questo motivo molte organizzazioni hanno avviato una migrazione trasparente dal cloud privato al cloud ibrido o pubblico, usando le risorse adeguate per evitare interruzioni del servizio.

Per un ampio numero di aziende, tuttavia, l'infrastruttura obsoleta ostacola il raggiungimento di una flessibilità autentica a costi ragionevoli. "Ormai i nostri clienti sanno di dover trasformare le proprie aziende", ha affermato Kelly Beavers, VP e Business Line Executive for System x Software, IBM. "Devono adeguarsi al nuovo mondo, incentrato sul cloud. IBM e Red Hat, infatti, collaborano per elaborare soluzioni aperte e scalabili in infrastrutture aperte e scalabili".

Un lungo passato di collaborazione open source

Red Hat e IBM propongono soluzioni condivise per il potenziamento di infrastrutture IT di nuova generazione. Questi due leader di settore consentono alle aziende di far convergere le risorse di elaborazione, storage e rete in un'unica piattaforma basata su standard, riducendo la complessità. IBM offre piattaforme hardware per tutti i carichi di lavoro e l'intera gamma di prodotti hardware IBM esegue Red Hat Enterprise Linux. Entrambe le aziende applicano metodi comprovati per semplificare la migrazione da architetture limitate a moderni datacenter.

"Il vantaggio è che IBM è nota per il suo supporto di Linux come un ambiente operativo pratico e conveniente per i clienti di livello enterprise", ha affermato Beavers. "Collaboriamo con Red Hat da molti anni, con tutti i tipi di clienti, in tutto il mondo".

Un percorso in tre fasi

IBM e Red Hat considerano l'innovazione del datacenter un processo in tre fasi. Il primo passaggio consiste nella sostituzione di tutte le piattaforme esistenti a prestazioni ridotte. Quindi, si procede alla standardizzazione creando un datacenter unificato basato sulle tecnologie Red Hat e IBM. Infine, per ottenere un'infrastruttura aperta, affidabile e ad alte prestazioni in grado di scalare in base alle importanti fluttuazioni della domanda è fondamentale la virtualizzazione.

Prestazioni migliori a un prezzo migliore, a qualsiasi livello

In seguito alla modernizzazione, i datacenter sono in grado di eseguire la scalabilità on demand per ottenere prestazioni ottimali a costi notevolmente ridotti. Le aziende non devono più confrontarsi con risorse sottoutilizzate in sistemi bare metal, ma possono rivolgersi a server virtualizzati che supportano un ambiente più consolidato.

Analisi del caso: casa d'asta di livello mondiale riduce il footprint del server con IBM - Red Hat

Bonhams, una casa d'asta privata del Regno Unito, aveva una serie mal assortita di sistemi non supportati e obsoleti in seguito a un susseguirsi di acquisizioni strategiche. Red Hat Enterprise Virtualization offriva un approccio molto meno complesso in cui il numero totale di server fisici veniva ridotto da 34 a 8. Al contempo, i server IBM System x avevano un ruolo fondamentale nella semplificazione dell'amministrazione e nell'ottimizzazione dell'efficienza dell'organizzazione, con conseguente riduzione dei costi.

Ulteriori informazioni