Press release

Red Hat Enterprise Virtualization 3.0 rappresenta un’alternativa realmente strategica per la virtualizzazione

Disponibile già da oggi, la soluzione offre funzionalità, prestazioni e scalabilità avanzate, oltre a significativi vantaggi economici per i clienti

Milano, 19 gennaio 2012 – Red Hat, Inc. (NYSE: RHT), leader mondiale nella fornitura di soluzioni open source, annuncia la disponibilità di Red Hat Enterprise Virtualization 3.0 che assicura nuove e avanzate funzionalità per gli strumenti di gestione della virtualizzazione server e desktop e per l’hypervisor KVM (Kernel-based Virtual Machine). Con Red Hat Enterprise Virtualization 3.0, Red Hat fornisce un’interessante alternativa di virtualizzazione open che assicura prestazioni, scalabilità, sicurezza, gestibilità e risparmi eccezionali.

“Il mercato della virtualizzazione è sempre più competitivo, e IDC ritiene che nel giro di un paio d’anni i clienti guarderanno con attenzione a soluzioni alternative a complemento/sostituzione dei prodotti esistenti”, dichiara Gary Chen, research manager Cloud and Virtualization System Software in UDC. “Red Hat Enterprise Virtualization 3.0 è una major release e un reale punto di svolta nella maturità di KVM. Red Hat si è impegnata fortemente sulla virtualizzazione e Red Hat Enterprise Virtualization 3.0 ne è la testimonianza. IDC ritiene che questo prodotto meriti di essere valutato da parte dei clienti”.

Red Hat Enterprise Virtualization for Servers è stata inizialmente rilasciata nel novembre 2009, seguita dalla release Red Hat Enterprise Virtualization for Desktops a metà del 2010. Dal suo debutto, la gamma di prodotti Red Hat Enterprise Virtualization ha goduto di un elevato tasso di adozione da parte dei clienti e di un ecosistema di partner in espansione. I clienti hanno dichiarato di essere alla ricerca di un’alternativa alle soluzioni proprietarie e stanno implementando Red Hat Enterprise Virtualization in ambienti di produzione mission-critical. In aggiunta, circa il 50% dei principali clienti Red Hat, sulla base del fatturato, ha iniziato a implementare o a effettuare pilot di Red Hat Enterprise Virtualization.  Molti stanno adottando strategie di virtualizzazione dual-source, con oltre l’80% dei clienti Red Hat che ha implementato Red Hat Enterprise Virtualization quale alternativa a fianco di VMware.  

La virtualizzazione open ha ottenuto una crescente visibilità negli ultimi mesi grazie ai progetti Open Virtualization Alliance e oVirt. Quale membro fondatore dell’Alliance, Red Hat ha collaborato con i principali vendor IT di tutti i settori per favorire l’adozione di soluzioni KVM-based, garantendo ai clienti la possibilità di scegliere tra una vasta gamma di prodotti e servizi di virtualizzazione. Inoltre, Red Hat è uno dei principali sponsor del progetto open source oVirt, che ha l’obiettivo di promuovere lo sviluppo di tecnologie di gestione della virtualizzazione open source.

Red Hat Enterprise Virtualization 3.0 offre nuove funzionalità di gestione, prestazioni e scalabilità per carichi di lavoro Linux e Windows a costi inferiori rispetto ad alternative proprietarie.  Con il sistema di gestione della virtualizzazione e l’hypervisor open source, Red Hat Enterprise Virtualization fornisce una soluzione interoperabile libera dal lock-in a piattaforme proprietarie. Red Hat si è posizionata quale leader nelle prestazioni di virtualizzazione detenendo tutti e cinque gli attuali risultati SPECvirt_sc2010 (www.spec.org), compresi i migliori risultati 2-socket, 4-socket e 8-socket. Allo stesso modo, Red Hat Enterprise Virtualization guida il mercato in termini di scalabilità per densità di VM e host per cluster. Questi vantaggi di prestazioni e scalabilità sono disponibili a costi che vanno da un terzo a un quinto di offerte proprietarie alternative.

Con Red Hat Enterprise Virtualization 3.0, il sistema di gestione è oggi un’applicazione Java che gira su JBoss Enterprise Application Platform su Red Hat Enterprise Linux. Offre oltre 1.000 nuove funzionalità, miglioramenti e avanzamenti quali il portale per il provisioning self-service, RESTful API, storage locale e molto di più. Base affidabile e versatile per piattaforme cloud, Red Hat Enterprise Virtualization 3.0 è progettato per soddisfare le esigenti richieste del cloud e creare un ambiente sicuro e scalabile per la condivisione di risorse e la loro gestione semplice e flessibile.

“Confermando ancora una volta i vantaggi del modello di sviluppo open source, Red Hat Enterprise Virtualization 3.0 offre alle aziende di tutto il mondo una reale alternativa strategica alle attuali soluzioni proprietarie”, aggiunge Paul Cormier, executive vice president e president Products and Technologies in Red Hat. “Le aziende ci dicono di avere bisogno di un’alternativa a VMware e, con la versione 3.0, Red Hat fornisce un’offerta interessante che associa massime prestazioni e scalabilità con costi assolutamente interessanti”.

“Red Hat fa un passo significativo nel mercato della virtualizzazione e del cloud e riteniamo che l’iniziativa congiunta BMC/Red Hat che offre ai clienti la scelta e la possibilità di ampliare le loro opzioni sia complementare a questo sforzo. BMC ha intenzione di supportare Red Hat Enterprise Virtualization 3.0 a breve, consentendo ai clienti di sfruttare le migliori tecnologie di entrambe le aziende”, commenta Kia Behnis, CTO di BMC. “Red Hat e BMC offrono ai clienti la scelta di cui hanno bisogno per fare della nuvola una realtà”.

“Cisco e Red Hat collaborano allo sviluppo di soluzioni che facilitano la gestione di data center virtualizzati. Red Hat Enterprise Virtualization 3.0 oggi offre l’integrazione con la nota tecnologia Cisco Virtual Machine Fabric Extender (VM-FEX) che permette ai clienti di collassare velocemente reti fisiche e virtuali in un’unica infrastruttura per maggiori automazione e semplificazione del data center stesso”, dichiara Satinder Sethi, vice president Data Center Solutions, Server, Access and Virtualization Technology Group in Cisco.

“Fujitsu dà il benvenuto a Red Hat Enterprise Virtualization 3.0 che permetterà ai clienti di adottare ambienti virtuali ottimizzati sui server Fujitsu PRIMEQUEST e PRIMERGY. Con questa release, prevediamo che il trend della virtualizzazione KVM-based aperta acceleri”, aggiunge Kazuto Fujioka, general manager Linux Development Division in Fujitsu. “Fujitsu ha contribuito allo sviluppo KVM attraverso la comunità open source per continuare a offrire soluzioni di virtualizzazione ottimizzate ai nostri clienti insieme a Red Hat”.

“Con Red Hat Enterprise Virtualization 3.0 prevediamo che Red Hat indirizzi esigenze dei clienti quali espandibilità e flessibilità per le infrastrutture cloud e acceleri l’adozione di software open source sul mercato”, commenta Susumu Okuhara, general manager Platform Software in Hitachi, Software Devision.

“Le soluzioni di virtualizzazione high performance  assicurano alle aziende una maggiore flessibilità per affrontare velocemente i requisiti aziendali in rapida evoluzione”, aggiunge Doug Oathout, vice president Strategy and Alliances Converged Infrastructure n HP. “Red Hat Enterprise Virtualization 3.0 su server HP BladeSystem e HP ProLiant è una soluzione di virtualizzazione sicura, automatizzata e ad alte prestazioni che assicura un ambiente IT responsivo per ottenere innovazione organizzativa e vantaggio competitivo”.

“Le aziende odierne si aspettano prestazioni e gestibilità scalabili per le loro infrastrutture virtuali”, commenta Doug Fisher, vice president e general manager Systems Software Division in Intel. “Gli investimenti di lunga data di Intel nell’ottimizzazione di KVM per l’architettura Intel dimostra il nostro impegno verso l’accelerazione dell’innovazione attraverso l’open source. Red Hat Enterprise Virtualization 3.0 su server con processori Intel® Xeon®-based offre una robusta soluzione di vitualizzazione open source basata su KVM, sfruttando al massimo le tecnologie Intel Virtualization e lo standard SRIOV (Single Root I/O Virtualization).

“Diamo il benvenuto all’annuncio di Red Hat Enterprise Virtualization 3.0 che rafforza l’operabilità sugli ambienti di virtualizzazione”, dichiara Kotetsu Omiya, general manager 1st IT Software Division in NEC Corporation. “NEC offre la serie Express5800 con piattaforma di virtualizzazione che comprende KVM e fornirà un ambiente di virtualizzazione e piattaforma cloud adatti per i sistemi consumer”.

“NetApp continua a innovare per aiutare i clienti a semplificare la gestione dei dati aziendali e a ridurre il TCO attraverso la collaborazione con Red Hat”, commenta Patrick Rogers, vice president Solutions and Integrations Group in NetApp. “Lavorando insieme, NetApp e Red Hat offrono ai clienti comuni una soluzione conveniente che associa Red Hat Enterprise Virtualization 3.0 con NetApp® Data ONTAP® per maggiori prestazioni, scalabilità e agilità di business”.

“I clienti SGI già traggono vantaggio da prestazioni scalabili e flessibili in un workflow virtuale con KVM su piattaforma SGI® UV”, conclude Christian Tanasescu, vice president Software Engineering in SGI. “SGI ritiene che Red Hat Enterprise Virtualization 3.0 rappresenti un passo importante per rendere la soluzione di virtualizzazione KVM più facile da configurare e gestire da parte degli utenti, oltre a supportare la scalabilità che i workload impegnativi richiedono”.

Per maggiori informazioni su Red Hat Enterprise Virtualization 3.0 e la lista completa di funzionalità o per scaricare una versione di prova pienamente supportata di Red Hat Enterprise Virtualization 3.0 visitate il sito www.redhat.com/rhev3.
Per ulteriori informazioni su Red Hat: www.redhat.com. Per ulteriori notizie visitare www.press.redhat.com.

About Red Hat

Red Hat is the world’s leading provider of open source software solutions, using a community-powered approach to reliable and high-performing cloud, Linux, middleware, storage and virtualization technologies. Red Hat also offers award-winning support, training, and consulting services. As the connective hub in a global network of enterprises, partners, and open source communities, Red Hat helps create relevant, innovative technologies that liberate resources for growth and prepare customers for the future of IT. Learn more at http://www.redhat.com.

Dichiarazioni in chiave prospettica

Certain statements contained in this press release may constitute "forward-looking statements" within the meaning of the Private Securities Litigation Reform Act of 1995. Forward-looking statements provide current expectations of future events based on certain assumptions and include any statement that does not directly relate to any historical or current fact. Actual results may differ materially from those indicated by such forward-looking statements as a result of various important factors, including: risks related to delays or reductions in information technology spending; the effects of industry consolidation; the ability of the Company to compete effectively; the integration of acquisitions and the ability to market successfully acquired technologies and products; uncertainty and adverse results in litigation and related settlements; the inability to adequately protect Company intellectual property and the potential for infringement or breach of license claims of or relating to third party intellectual property; the ability to deliver and stimulate demand for new products and technological innovations on a timely basis; risks related to data and information security vulnerabilities; ineffective management of, and control over, the Company’s growth and international operations; fluctuations in exchange rates; and changes in and a dependence on key personnel, as well as other factors contained in our most recent Quarterly Report on Form 10-Q (copies of which may be accessed through the Securities and Exchange Commission’s website at http://www.sec.gov), including those found therein under the captions "Risk Factors" and "Management’s Discussion and Analysis of Financial Condition and Results of Operations". In addition to these factors, actual future performance, outcomes, and results may differ materially because of more general factors including (without limitation) general industry and market conditions and growth rates, economic and political conditions, governmental and public policy changes and the impact of natural disasters such as earthquakes and floods. The forward-looking statements included in this press release represent the Company’s views as of the date of this press release and these views could change. However, while the Company may elect to update these forward-looking statements at some point in the future, the Company specifically disclaims any obligation to do so. These forward-looking statements should not be relied upon as representing the Company’s views as of any date subsequent to the date of this press release.