Accedi / Registrati Account

L'APPROCCIO ALLA COMMUNITY E ALLA RESPONSABILITÀ SOCIALE

I benefici dell'open source

Jump to section

Il 2020 ha rappresentato per molti un anno di incertezza e cambiamento a causa di eventi come la pandemia e le lotte contro la discriminazione razziale. Grazie a un approccio open source collaborativo, noi di Red Hat abbiamo operato in sinergia per sostenere organizzazioni no profit impegnate nel risolvere queste problematiche e per aiutare le comunità locali di cui facciamo parte. Per saperne di più consulta il nostro report annuale.

* Nel 2020 il report prende in considerazione l'anno civile (AC) e non l'anno fiscale (AF).

CITTADINANZA D'IMPRESA

Rafforzare le comunità di cui facciamo parte

Il nostro programma di cittadinanza d'impresa prevede donazioni alle organizzazioni no profit, programmi di gift matching aziendale e volontariato globale. Siamo impegnati principalmente negli ambiti che stanno più a cuore al nostro team, tra cui le organizzazioni che forniscono aiuti umanitari di base, servizi per la sanità, istruzione STEM (Science, Technology, Engineering e Mathematics) nelle scuole primarie e secondarie e nelle università.

Abbiamo devoluto oltre 4,5 milioni di dollari USD a enti di beneficenza e istruzione, più del doppio rispetto al 2019.

Nel 2020 il personale di Red Hat ha donato oltre 875.000 dollari USD a più di 2000 enti di beneficenza.

Grazie ai programmi Team-19 e Social Innovation, il team di Red Hat ha dedicato oltre 5000 ore a progetti open source esterni volti a superare le sfide della pandemia di COVID-19.

PERSONE E CULTURA

Promuovere l'innovazione attraverso un'organizzazione open

Quella di Red Hat è una cultura esclusiva radicata nei principi dell'open source. Siamo leader di iniziative più grandi di noi: ci impegniamo nella difesa della libertà del software, per connettere persone e idee e mostrare al mondo tutte le potenzialità dell'approccio open source. "Restiamo uniti" è stato uno dei leitmotiv del 2020 e i risultati che il team di Red Hat ha raggiunto lo scorso anno sono la dimostrazione lampante che l'unione fa davvero la forza.

Abbiamo migliorato le indennità di congedo parentale, adozione, maternità surrogata e invalidità per estendere il sostegno familiare a tutti i dipendenti.

Nel 2020 Red Hat ha dato la possibilità a oltre 550 studenti di svolgere un tirocinio in una delle sue sedi nel mondo.

Abbiamo avviato numerose iniziative di formazione per il personale sulle tematiche della diversità e dell'inclusione.

AMBIENTE E SOSTENIBILITÀ

Uno sviluppo sostenibile a tutela dell'ambiente

Ridurre i rifiuti e i consumi energetici, riciclare e compostare sono tematiche care a Red Hat e al suo team, che con dedizione e creatività ogni giorno studia nuovi modi per coniugare business e responsabilità ambientale, sia in ufficio che a casa.

Red Hat ha messo a disposizione del suo team una risorsa condivisa accessibile da casa dove i dipendenti potessero scambiarsi idee e consigli per ridurre l'impatto ambientale.

Nel 2020 i consumi energetici negli uffici di Red Hat gestiti direttamente sono diminuiti in media del 23%.

Il team di Red Hat ha creato una community interna per agevolare lo sviluppo e l'adozione di soluzioni sostenibili in tutta l'azienda.

ALLEATI PER IL SOFTWARE LIBERO

In difesa dell'ecosistema open source

Da oltre vent'anni Red Hat collabora ai progetti delle community, e protegge le licenze open source, per continuare a sviluppare software con capacità sempre più innovative.

Grazie al nostro contribuito è aumentato il numero di aziende che hanno sottoscritto il GPL Cooperation Commitment.

Nel 2020 abbiamo avviato un progetto per la rimozione del linguaggio problematico dal codice, dalla documentazione, dai siti Web e dai progetti open source di Red Hat.

Per difendere la libertà di copyright delle interfacce grafiche, nel 2020 abbiamo presentato una memoria in qualità di amicus curiae alla Corte suprema degli Stati Uniti.

Realizziamo tecnologie più efficaci con l'open source

Allerta frode nelle attività di selezione

Fai attenzione ai falsi recruiter online, soprattutto sui social media.