Account Accedi
Jump to section

I vantaggi delle applicazioni cloud-native

Copia URL

Per competere sui mercati software-driven in continua evoluzione, è necessario trasformare il modo di progettare, realizzare e usare le applicazioni. Lo sviluppo di app cloud-native richiede un approccio alla compilazione, all'esecuzione e al miglioramento delle app basato su tecniche e tecnologie ormai consolidate per il cloud computing.  

8 steps to cloud native ebook cover

Scopri gli otto passaggi della strategia cloud-native

Le app cloud-native sono una raccolta di microservizi indipendenti e a basso accoppiamento. Sono ideate per offrire all'azienda vantaggi tangibili, come la possibilità di integrare in breve tempo i feedback degli utenti, agevolando lo sviluppo continuo. Lo sviluppo di applicazioni cloud-native è quindi un metodo per accelerare la creazione di nuove applicazioni, ottimizzare quelle esistenti e integrare il tutto. Ha come obiettivo la distribuzione delle app desiderate dagli utenti secondo il ritmo stabilito dall'azienda.

Cosa significa "cloud" nelle applicazioni cloud-native? Un'app "cloud-native" è progettata specificamente per fornire un'esperienza di sviluppo e gestione automatizzata coerente nei cloud privati, pubblici e ibridi. Per incrementare la scalabilità e la disponibilità delle app, le organizzazioni adottano il cloud computing e ottengono questi vantaggi con il provisioning self service e on-demand delle risorse e automatizzando il ciclo di vita dell'applicazione, dallo sviluppo alla produzione.

Per sfruttare appieno questi vantaggi, è necessario trasformare lo sviluppo applicativo.

Con sviluppo cloud-native si intende proprio questo: un approccio alla realizzazione e all'aggiornamento rapido delle app, che al contempo migliora la qualità e riduce i rischi. È un modo per creare ed eseguire app reattive, scalabili e tolleranti agli errori, ovunque si trovino: nei cloud pubblici, privati o ibridi.

Un rapido sguardo alle app cloud-native

Lo sviluppo di app cloud-native sembra un'altra di quelle parole comprensibili solo agli addetti ai lavori del settore IT, ma potrebbe essere proprio quello che serve alle organizzazioni per accelerare l'innovazione. Ashesh Badani, Vice President e General Manager di Cloud Platforms in Red Hat, spiega cos'è secondo lui lo sviluppo di app cloud-native.

Tutto ha inizio dalle persone che formano l'organizzazione e dai processi di automazione che consentono loro di collaborare, adottando strategie DevOps. Queste metodologie promuovono la cooperazione tra gli sviluppatori e i team operativi, offrendo un obiettivo comune e un feedback regolare.

L'adozione dei container è di supporto in questo senso, perché rappresentano un'unità di deployment dell'applicazione ideale e un ambiente di esecuzione autosufficiente. Con DevOps e container, gli sviluppatori riscontrano meno difficoltà nel rilascio e nell'aggiornamento delle app come un insieme di servizi a basso accoppiamento, quali i microservizi, senza dover aspettare il rilascio principale.

Lo sviluppo cloud-native si basa sulla modularità dell'architettura, sul basso accoppiamento e sull'indipendenza dei servizi. Ogni microservizio introduce una capacità aziendale, esegue i propri processi e comunica tramite un'interfaccia di programmazione delle applicazioni (API) o un sistema di messaggistica. Una comunicazione di questo tipo può essere gestita tramite un livello di service mesh.

Non sempre è necessario iniziare dai microservizi per accelerare la distribuzione delle applicazioni cloud-native. Molte organizzazioni possono ancora ottimizzare le app esistenti con un'architettura pragmatica basata sui servizi, approfittando dei flussi di lavoro DevOps come l'integrazione e il deployment continui (CI/CD), di operazioni di deployment totalmente automatizzate e di ambienti di sviluppo standardizzati.

Icon-Red_Hat-Diagrams-DevOps-A-Black-RGB

DevOps

DevOps è un approccio alla cultura, all'automazione e alla progettazione di piattaforme destinate a fornire un valore aziendale e una reattività superiori.

Icon-Red_Hat-Objects-Gear_Single-A-Black-RGB

Microservizi

Un'architettura a microservizi frammenta le app nei loro componenti più piccoli, indipendenti l'uno dall'altro.

Icon-Red_Hat-Software_and_technologies-App-A-Black-RGB

API

Un'architettura a microservizi frammenta le app nei loro componenti più piccoli, indipendenti l'uno dall'altro.

Container

I container permettono di raggruppare e isolare le app con tutto il loro ambiente di runtime, semplificando quindi lo spostamento tra ambienti, ma conservando al tempo stesso la piena funzionalità.

Principalmente, la strategia cloud-native accelera lo sviluppo applicativo nelle aziende con risorse informatiche distribuite su ambienti diversi. È il caso di aziende che dispongono di risorse ospitate su server Amazon, server Google e anche di un database Oracle eseguito on-premise. Lo sviluppo cloud-native ti aiuta a ottimizzare il valore di questa architettura cloud ibrida. La strategia cloud-native può però prevedere un passaggio ulteriore.

Definiamo "serverless" (senza server) un modello di cloud computing in cui gli sviluppatori di applicazioni non devono occuparsi del provisioning dei server o della scalabilità delle proprie app; queste attività di routine vengono eseguite infatti dal provider di servizi cloud, consentendo agli sviluppatori di inviare il codice in produzione più rapidamente rispetto ai modelli tradizionali.

Oggigiorno ogni azienda è anche un'azienda software, e questo vale per qualsiasi settore: dalle telecomunicazioni, a quello bancario e sanitario o anche dell'allevamento, con le applicazioni al centro della strategia aziendale. La trasformazione aziendale basata su software richiede lo sviluppo di nuove app, da distribuire in tempi rapidi a utenti che si aspettano una qualità sempre più elevata. Non è facile. Per sostenere il ritmo di questo mercato in rapido cambiamento, Red Hat ritiene sia importante investire nei processi, nell'infrastruttura e nelle architetture.

Per sostenere queste innovazioni, Red Hat propone alle aziende una piattaforma moderna in grado di promuovere il miglioramento dell'architettura, dell'infrastruttura e dei processi. L'obiettivo è erogare applicazioni di maggiore qualità, più agilmente.

Molte aziende sanno di dover accelerare il rilascio e accrescere l'affidabilità adottando approcci come l'architettura a microservizi e strumenti operativi e di sviluppo più moderni. Storicamente, una delle sfide più grandi è individuare il piano d'azione necessario per modificare gli ambienti esistenti. OpenShift Application Runtimes aiuta a semplificare la trasformazione e a ridurre l'impegno e i rischi legati all'introduzione dello sviluppo cloud-native.

Chris Hart

CTO, Levvel

Approfondisci

Articolo

Stateful e stateless

La condizione di stateful o stateless di un elemento dipende dalla durata della registrazione dell'interazione con l'elemento stesso e dalle modalità di memorizzazione di questa informazione.

Articolo

Cos'è Quarkus?

Quarkus è uno stack Java Kubernetes native realizzato per le macchine virtuali Java (JVM) e per la compilazione nativa, che ottimizza Java specificamente per i container.

Articolo

Cos'è il serverless computing?

Il serverless computing è un modello di sviluppo cloud native che consente agli sviluppatori di creare ed eseguire applicazioni senza gestire i server.

Scopri di più sulle applicazioni cloud native

Prodotti

Red Hat OpenShift

Una piattaforma container enterprise-ready basata su Kubernetes, che consente di automatizzare le operazioni nell'intero stack tecnologico per gestire deployment di cloud ibrido, multicloud e all'edge.

Sviluppo cloud native con Red Hat e Amazon Web Services

Risorse

Formazione

Formazione gratuita

Developing Cloud-Native Applications with Microservices Architectures

Illustration - mail

Ricevi contenuti simili

Iscriviti a Red Hat Shares, la nostra newsletter gratuita.