Cerca
Italiano
Italiano
Accedi Account
Accedi / Registrati Account
Website

Storia di successo

Lockheed Martin trasforma i processi di sviluppo e accelera la distribuzione

In breve

Settore: tecnologico
Sfida aziendale: adottare uno sviluppo applicativo
cloud-native
Area geografica: Nord America
Sede: Bethesda, MD
Dimensioni dell'azienda: circa 105.000 dipendenti negli Stati Uniti e in altri Paesi

Lavorando con il team Red Hat Open Innovation Labs abbiamo cambiato tutto: la toolchain, il nostro processo e, soprattutto, la nostra cultura.

MICHAEL CAWOOD, VICE PRESIDENT, F-16/F-22 PRODUCT DEVELOPMENT, LOCKHEED MARTIN

Informazioni sull'azienda

Lockheed Martin, un'importante società che opera nel settore aerospaziale e della sicurezza, aveva l'esigenza di rinnovare il processo di sviluppo applicativo in uso per apportare nuove funzionalità alla flotta di caccia F-22 Raptor della U.S. Air Force. L'azienda ha scelto Red Hat® Open Innovation Labs per farsi guidare nel processo di trasformazione agile e ottenere assistenza nell'implementazione di un'architettura open source a bordo dell'F-22. Questi nuovi processi agili hanno consentito a Lockheed Martin di migliorare del 40% la sua capacità di prevedere gli sprint futuri e di fornire nuove funzionalità di comunicazione con 3 anni di anticipo sul programma.

Lockheed Martin racconta la sua esperienza di trasformazione al Red Hat Summit 2019

Michael Cawood, Vice President per lo sviluppo del prodotto F-16/F-22 presso Lockheed Martin, spiega in che modo Red Hat ha aiutato l'azienda nella transizione alle metodologie agili e nell'accelerazione della distribuzione.

La strada per il successo

Opportunità: accelerare lo sviluppo per mantenere competitività

Per arrivare prima della concorrenza, Lockheed Martin aveva bisogno di aggiornare il suo processo di sviluppo utilizzando una metodologia agile e pratiche DevSecOps. "Quando offri una piattaforma di fama mondiale, come l'F-22 Raptor, i concorrenti sono sempre alla ricerca di nuove iniziative in grado di superarla", spiega Michael Cawood, Vice President per lo sviluppo del prodotto F-16/F-22 presso Lockheed Martin. "Questo significa che devi continuare ad aggiungere nuove funzionalità e migliorare l'F-22. E devi farlo a una velocità senza precedenti. Noi avevamo l'esigenza di trasformare la nostra organizzazione e il nostro modo di lavorare."

Comunicato stampa

Lockheed Martin si rivolge a Red Hat per accelerare l'aggiornamento dell'F-22 Raptor

Soluzione: adottare metodologie agili e realizzare un'architettura aperta

Lockheed Martin ha scelto Red Hat Open Innovation Labs per passare dallo sviluppo a cascata a un approccio agile, semplificando al tempo stesso la complessa rete dei suoi sistemi integrati. Insieme, Lockheed Martin e Red Hat hanno realizzato un'architettura aperta per accelerare lo sviluppo e la distribuzione delle applicazioni. "Lavorando con il team Red Hat Open Innovation Labs abbiamo cambiato tutto: la toolchain, il nostro processo e, soprattutto, la nostra cultura", spiega Cawood. "Con una nuova cultura fortemente orientata alle metodologie agili DevSecOps, e una piattaforma più flessibile basata su Red Hat OpenShift Container Platform, il team F-22 continuerà a lavorare per garantire che il Raptor risponda alle esigenze difensive americane."

Risultato: progettazione e distribuzione semplificate per ottenere più efficienza e velocità

I nuovi processi e la nuova piattaforma di Lockheed Martin hanno eliminato le revisioni dei progetti, che richiedevano diversi giorni. Oggi l'azienda dimostra un miglioramento delle proprie capacità a ogni sprint. Inoltre, Lockheed Martin è riuscita a realizzare un prodotto minimo funzionante (MVP, Minimum Viable Product) per accelerare al massimo l'erogazione delle nuove funzionalità ai clienti. Il team scrum dell'F-22 Raptor ha migliorato del 40% la sua capacità di prevedere gli sprint futuri e, solo 1 anno dopo l'avvio del progetto, Lockheed Martin prevede di fornire nuove funzionalità di comunicazione con 3 anni di anticipo sul programma. "Grazie alla partnership con Red Hat, prevediamo di riuscire a sviluppare una funzionalità, renderla operativa il giorno successivo e implementarla nel caccia con modalità simili a quelle utilizzate per ricevere gli aggiornamenti sui dispositivi mobili", spiega Cawood.

Sono entusiasta della nostra capacità di aggiungere funzionalità all'F-22 in modo più veloce ed economico. Ma sono ancora più felice di quello che ci riserva il futuro, perché stiamo continuando a rivoluzionare il nostro modo di pensare e prevediamo di estendere la trasformazione all'F-16 e ad altri prodotti Lockheed Martin.

MICHAEL CAWOOD, VICE PRESIDENT, F-16/F-22 PRODUCT DEVELOPMENT, LOCKHEED MARTIN