Accedi / Registrati Account

Argomento

I vantaggi del 5G

Dall'avvento sul mercato della prima generazione di reti mobili, qualche decennio fa, questa tecnologia è molto cambiata. Oggi la quinta generazione, il 5G, promette una trasmissione dati più rapida, solida e affidabile rispetto a tutte le precedenti.

Jump to section

Cos'è il 5G?

Con 5G intendiamo la quinta generazione di reti mobili, progettata per migliorare le reti 4G LTE esistenti e, in alcuni casi, per sostituirle completamente. Ogni generazione ha caratteristiche diverse in termini di tecnologia utilizzata, intervallo di tempo tra l'invio e la ricezione di un segnale (latenza) e velocità della trasmissione dati dalla rete ai dispositivi connessi. Le reti 5G offrono velocità nell'ordine dei gigabit, con trasmissione dei dati fino a 10 Gbps, latenza nettamente inferiore e copertura estesa alle aree più remote. 

Al momento il 5G è poco più di un modello, poiché l'infrastruttura necessaria per supportarlo è limitata a poche aree geografiche. La Corea del Sud ha già esteso la rete a quasi tutto il paese. Il Giappone prevede di completare l'integrazione attorno al 2020. La FCC (Federal Communications Commission) degli Stati Uniti e altre giurisdizioni in Australia, Cina, Europa e nazioni di tutto il mondo sono al lavoro insieme agli operatori regionali per estendere la copertura del 5G.

Le potenzialità del 5G

I vantaggi ottenibili con il 5G in termini di velocità, latenza e larghezza di banda sono evidenti: download più rapidi, ritardi di buffering ridotti durante lo streaming multimediale e per i videogiochi con grafica avanzata consentiranno ai consumatori di sperimentare al meglio la realtà virtuale e aumentata. 

Le applicazioni del 5G si estenderanno tuttavia ben oltre i prodotti di consumo, perché questa tecnologia wireless renderà immediata la trasmissione di incredibili volumi di dati, creando una connessione lineare tra il mondo digitale e quello fisico.

Trasporti

La connettività in tempo reale del 5G potrà rendere meno congestionato il traffico agli incroci stradali individuando in modo efficiente le automobili in avvicinamento. Un accesso più ampio alle velocità del 5G offrirà miglior supporto ai dispositivi sull'edge ottimizzati per il 5G, come le auto a guida autonoma che, benché senza pilota, potranno individuarsi e comunicare le une con le altre.

Medicina

I medici potranno utilizzare la realtà virtuale per curare pazienti distanti. L'intelligenza artificiale combinata all'accesso immediato a volumi imponenti di dati sanitari aiuterà il personale medico a effettuare diagnosi e a pianificare trattamenti in modo più rapido e preciso.

Agricoltura

Entro il 2050, gli agricoltori dovranno soddisfare il fabbisogno alimentare di 9,8 miliardi di persone utilizzando la stessa quantità di terreni che oggi ne alimenta 7,8 miliardi. Il 5G può migliorare l'efficienza conducendo le attrezzature agricole, come trattori e mietitrici, in modo autonomo, e guidando i droni affinché controllino i cambiamenti relativi alla salute delle piante, alla qualità del terreno e all'umidità, per applicare la quantità esattamente necessaria di pesticidi, acqua o fertilizzanti.

Servizi pubblici

Il 5G è d'aiuto anche nei servizi di emergenza, di cui può ottimizzare il coordinamento: polizia, ambulanze e vigili del fuoco. L'accuratezza delle informazioni sulla posizione consentirà ai soccorsi di individuare meglio le destinazioni, anche nelle aree rurali. La reazione alle emergenze sarà più efficiente e consentirà di identificare prima le aree critiche e di fornire un'assistenza più completa.

Evoluzione generazionale

1G

La prima generazione di reti mobili 1G ha visto la luce in Giappone alla fine degli anni Settanta, diffondendosi a livello globale in poco tempo. Impiegava la trasmissione analogica dei dati, la stessa della radio AM/FM, già facilmente accessibile ma inaffidabile e poco sicura. La velocità massima era di poco superiore ai 2 kbps (kilobit al secondo), sufficiente per poche righe di testo. Nel 2018, in Russia, l'ultima rete 1G esistente era ancora in funzione.

2G

Il 2G irrompe nei primi anni Novanta, offrendoci la trasmissione vocale digitale e le funzionalità SMS (Short Message Service) e MMS (Multimedia Message Service) per l'invio di messaggi di testo. Con velocità fino a 200 kbps, è molto più veloce dell'1G ma ancora lenta rispetto alle reti odierne. La sicurezza della trasmissione dei dati è maggiore, ma la scarsa copertura di rete imponeva tariffe di roaming elevate causando interruzioni delle chiamate.

3G

Nei primi anni 2000 si fa strada il 3G, che porta con sé l'Internet mobile, accelerando l'adozione dello smartphone a livello globale. La velocità dei dati arriva fino a circa 40 Mbps (megabit al secondo), oltre 200 volte quella del 2G. La commutazione di pacchetto e il GPRS (General Packet Radio Service) permettono di ottenere le velocità che ci conducono nell'era dell'Internet mobile.

4G

Il 4G fa la sua comparsa sul mercato intorno al 2010 ed è attualmente la tecnologia più diffusa a livello globale, che ci ha consentito di integrare i dispositivi smart in molti aspetti della nostra vita quotidiana. Con velocità medie di download fino a 100 Mbps, con il 4G diventa possibile scaricare file video ad alta definizione, giocare con videogiochi d'azione progettati in 3D, ascoltare musica in streaming, sfruttare la realtà aumentata e usufruire di innumerevoli altri servizi.

Qual è il futuro del 5G?

Oltre ai telefoni 5G, immagina che ogni tipo di dispositivo 5G possa contribuire a realizzare case 5G. È il futuro delle reti wireless 5G, una tecnologia che contribuirà a generare beni e servizi per circa 13,2 bilioni di dollari e fino a 22,3 milioni di posti di lavoro entro il 2035.

Quali fornitori di servizi offrono il 5G?

Samsung

Le soluzioni per le reti 5G di Samsung si basano su Red Hat OpenShift.

Icon-Red_Hat-Documents-Paper_Lined-A-Black-RGBVerizon

Red Hat aiuta Verizon a realizzare un core 5G cloud native.

Turkcell

Il leader regionale del 5G realizza un cloud unificato con Red Hat OpenStack®.

Icon-Red_Hat-Documents-Paper_Lined-A-Black-RGBEricsson

Una partnership tra Ericsson e Red Hat per creare soluzioni basate su OpenStack e container.

L'obiettivo della rete 5G

Per accedere a Internet, ogni azienda fa affidamento sul settore delle telecomunicazioni. La tecnologia 5G offre vantaggi a numerosi segmenti, in primo luogo tramite il network slicing (che approfondiremo più avanti): ai dati utilizzati per l'intrattenimento e la comunicazione viene destinata una fetta della rete, mentre ai dati critici verrà destinata una porzione distinta. Per concretizzare il passaggio alla nostra infrastruttura, il settore delle telecomunicazioni è concentrato sulla transizione al 5G. Questa trasformazione della rete 5G spesso dipende dalla virtualizzazione della rete RAN (Radio Access Network) e presuppone ormai un futuro containerizzato e cloud native. Per le aziende di telecomunicazioni, le reti RAN rappresentano un significativo aumento dei costi complessivi delle reti, eseguono elaborazioni complesse e ad elevato utilizzo di risorse e la loro domanda è oggi in netto aumento, per le maggiori richieste di servizi edge e 5G da parte dei clienti di telecomunicazioni.

Tramite la virtualizzazione delle funzioni di rete, tuttavia, gli operatori delle telecomunicazioni possono semplificare le operazioni di rete e migliorare flessibilità, disponibilità ed efficienza, raggiungendo un maggior numero di dispositivi e applicazioni con esigenze di larghezza di banda sempre più elevate. Questo si traduce in una maggiore velocità e flessibilità per i settori che si affidano agli ISP, praticamente tutti.

Ottieni il massimo dal 5G

Red Hat OpenStack Platform product logo

Una piattaforma per ambienti cloud pubblici e privati.

Red Hat Ansible Automation Platform

Piattaforma agentless per l'automazione.

Inizia il tuo percorso di adozione del 5G

  1. Il marchio denominativo OpenStack® e il logo OpenStack sono marchi commerciali/di servizio di proprietà della OpenStack Foundation o marchi registrati negli Stati Uniti e in altri Paesi e sono da utilizzarsi previa autorizzazione della OpenStack Foundation. Red Hat non ha rapporti di affiliazione con la OpenStack Foundation o con la community di OpenStack, né riceve sponsorizzazioni o finanziamenti da tali organizzazioni.