Jump to section

Cos'è il 5G privato?

Copia URL

Una rete 5G privata funziona più o meno come una rete 5G pubblica, ma consente al proprietario di limitare l'accesso e utilizzare uno spettro wireless con o senza licenza. In sostanza, il 5G privato sfrutta i vantaggi del 5G tradizionale in strutture chiuse come impianti di produzione, porti, aeroporti, campus o uffici.

Questa tecnologia può essere utile per il deployment di reti wireless private presso strutture che richiedono funzionalità superiori a quelle offerte dal Wi-Fi e dalle altre tecnologie di rete, come la copertura, l'accesso a bassa latenza, le prestazioni, la privacy e la sicurezza.

Sotto certi aspetti, le reti 5G private sono identiche a quelle pubbliche fornite dai provider commerciali di servizi di telecomunicazioni. Le reti 5G sono il futuro della tecnologia mobile wireless, grazie alla connettività caratterizzata da latenza bassa e velocità dati superiore. 

Grazie a queste caratteristiche e alla sua elevata affidabilità, il 5G privato si presta particolarmente alle applicazioni industriali, ad esempio a un grande stabilimento di produzione che richiede una connettività affidabile all'interno e all'esterno del reparto produzione. 

Pensa ai veicoli a guida autonoma che spostano i pezzi da un reparto all'altro. Con il 5G privato possono connettersi alla rete in modo affidabile. Inoltre, è possibile aggiungere sensori alle macchine in modo più efficiente, senza modificare il cablaggio. In seguito, quando le procedure di produzione cambiano, non sarà necessario spostare i cavi per trasferire le macchine.

Scopri di più sulle nozioni base del 5G  

 

Una rete 5G può essere considerata privata e standalone se l'azienda possiede o affitta sia lo spettro che l'infrastruttura di rete, come le stazioni base e la rete core. Questa opzione è quella che garantisce il massimo controllo e permette di isolare completamente gli utenti della rete privata dalle reti pubbliche fornite dai provider di servizi.

Una rete 5G può anche essere "privata condivisa" o "privata ibrida". In questi casi le funzionalità 5G permettono di creare sezioni di rete che utilizzano funzioni diverse per i piani di controllo e utenza, permettendo di suddividere una rete pubblica in tutte le partizioni di cui si ha bisogno.

 

Le organizzazioni stanno adottando architetture cloud native e container per incrementare i livelli di efficienza, performance, resilienza, sicurezza e agilità. In sintesi, stanno cominciando a utilizzare le tecnologie moderne che risultano più compatibili con il 5G. 

In passato, gli interventi per la modernizzazione si concentravano sulla virtualizzazione delle funzioni di rete (NFV), che semplificava la sostituzione delle appliance legacy con un'infrastruttura basata su cloud a integrazione verticale. Tuttavia, questo approccio sta diventando superato

Quando alla semplice virtualizzazione delle funzioni di rete si sostituisce un design cloud native è possibile raggiungere un nuovo livello di efficienza e agilità. Una caratteristica distintiva dell'approccio cloud native è costituita dall'uso dei container al posto della virtualizzazione.

I container consentono agli sviluppatori di creare pacchetti che includono tutto il necessario per eseguire un'applicazione, incluse le librerie e le dipendenze specifiche delle applicazioni, il tutto all'interno di uno spazio dedicato e isolato. Questo approccio consente al componente containerizzato di essere spostato in modo efficiente da un ambiente all'altro a seconda delle necessità.

Per sfruttare a pieno il potenziale del 5G e minimizzare le complessità delle rete, sono necessari containerizzazione, tecnologie moderne e un design cloud native.

Il passaggio da applicazioni legacy monolitiche ai microservizi consente di raggiungere livelli più alti di scalabilità e affidabilità e ottenere migliori funzionalità di integrazione. Inoltre, in questo modo i team di sviluppo possono creare e aggiornare nuovi componenti senza compromettere l'intera applicazione. Grazie alla loro struttura indipendente, i microservizi sono più facili da creare, testare, distribuire e aggiornare.

 

Le reti 5G sono più veloci, hanno una capacità maggiore e una latenza inferiore. Inoltre, sono più affidabili rispetto alle reti di vecchia generazione. Anche se il 5G pubblico viene ampiamente utilizzato, molte aziende iniziano a comprendere i vantaggi dell'adozione di una rete 5G privata,

anche rispetto a sistemi cablati o Wifi. Si tratta della soluzione migliore per le aziende moderne che hanno bisogno di una rete privata. I vantaggi includono:

  • Efficienza superiore. Oltre alla maggiore velocità, le reti 5G private hanno una larghezza di banda superiore e una latenza inferiore.
  • Incremento dell'affidabilità. Una rete 5G privata è molto affidabile e offre una copertura migliore su un'area più ampia, la possibilità di connettere un numero maggiore di dispositivi e prestazioni di qualità più elevata.
  • Sicurezza avanzata. Una rete 5G privata offre un controllo maggiore alle aziende, grazie a un criptaggio più efficace, opzioni di autenticazione solide e slicing di rete.

L'approccio di Red Hat al 5G privato si fonda sulla creazione di soluzioni che offrono una rete affidabile a bassa latenza con applicazioni di computing vicine agli utenti finali. Le nostre soluzioni possono essere offerte tramite partner aziendali e provider di servizi o di dispositivi di rete. L'implementazione del 5G privato è sempre più incentrata su design cloud native, microservizi e automazione e le piattaforme Red Hat sono pienamente in linea con questa tendenza. 

Red Hat promuove rapporti solidi con un ecosistema di partner certificati, garantendo alle aziende l'accesso alle soluzioni più innovative per avviare un approccio cloud native. Queste funzioni di rete vengono convalidate costantemente per garantire l'affidabilità e l'efficienza del deployment. Inoltre, Red Hat sviluppa architetture di riferimento e modelli per i partner che consentono alle aziende di eseguire il deployment dei componenti preintegrati in modo più efficiente dai loro fornitori di fiducia, inclusi i partner che non appartengono al settore delle telecomunicazioni.

Red Hat e i suoi partner hanno una lunga e comprovata esperienza nell'implementazione di solide soluzioni per 5G privato con Red Hat® OpenShift®. Red Hat OpenShift fornisce un'infrastruttura containerizzata, ibrida e open source con soluzioni di autenticazione e monitoraggio in tempo reale. Può essere ridimensionata secondo necessità in molti scenari di deployment che coinvolgono una rete privata 5G. 

L'automazione è un altro componente importante per il deployment e il funzionamento di una rete privata 5G. L'automazione di una singola attività o di un processo è relativamente semplice, ma nel settore delle telecomunicazioni è necessario poter estendere l'automazione all'intera azienda.

Red Hat® Ansible® Automation Platform fornisce le funzionalità chiave con cui i provider di servizi possono creare, distribuire e gestire l'automazione su larga scala. Quest'ultima consente di aumentare la velocità dei servizi, migliorare la sicurezza e la conformità e ridurre nettamente le spese operative.

Le reti 5G diventano sempre più allettanti, oltre che necessarie. Per questo, Red Hat si impegna a fornire soluzioni 5G consolidate applicabili a diversi tipi di architettura, dalle implementazioni on premise a nodo singolo fino alle reti basate su cloud ampiamente distribuite.

 

Scopri di più su Red Hat e il settore delle telecomunicazioni

 

Keep reading

ARTICOLO

Cosa si intende per NFV?

La virtualizzazione delle funzioni di rete (Network Functions Virtualization, NFV) è un modo per virtualizzare quei servizi di rete che convenzionalmente vengono eseguiti su un hardware proprietario.

ARTICOLO

I vantaggi dell'edge computing per le telecomunicazioni

L'edge computing è una priorità per i molti provider di telecomunicazioni che rinnovano le proprie reti e cercano nuove fonti di reddito.

ARTICOLO

Cosa sono le reti Radio Access Network?

La rete RAN (Radio Access Network) è la parte di una rete mobile che collega i dispositivi degli utenti finali, come gli smartphone, al cloud.