Accedi / Registrati Account

Edge computing

I vantaggi dell'edge computing

Per edge computing, la cui traduzione italiana è elaborazione ai margini della rete, si intende l'elaborazione delle informazioni eseguita vicino all'ubicazione fisica dell'utente o alla sorgente dei dati. L'edge computing offre agli utenti servizi più veloci e affidabili, e consente alle aziende di sfruttare la flessibilità del cloud ibrido e di utilizzare e distribuire un pool comune di risorse in numerose sedi diverse.


Che significato ha l'edge computing?

La realtà virtuale e la realtà aumentata sono un esempio concreto di edge computing. Spesso queste realtà devono fare i conti con una larghezza di banda limitata e un'alta latenza. Gli utenti di queste tecnologie sperimentano frequenti ritardi o problemi nella potenza di elaborazione, a causa dei quali viene meno la continuità dei servizi. Per prevenire questi problemi, l'edge computing consente di spostare sul cloud le parti complesse di calcolo dei flussi di rendering. Questi processi trovano riscontro nell'Internet of Things (IoT), ad esempio le smart car, in cui un caso di latenza mentre il navigatore sta elaborando il percorso da fare causerebbe un ritardo nella ricezione dei dati. Tutti noi vogliamo che la nostra auto e altri dispositivi IoT elaborino i dati e prendano decisioni praticamente in tempo reale.

Altri vantaggi dell'edge computing comprendono la possibilità di eseguire aggregazioni e analisi di big data on-site, consentendo di prendere decisioni quasi in tempo reale. Inoltre, l'edge computing riduce ulteriormente il rischio di esposizione dei dati sensibili poiché mantiene la potenza di elaborazione locale, consentendo alle aziende di controllare meglio la proliferazione di informazioni (come i segreti aziendali) o di conformarsi alle politiche di regolamentazione (come il GDPR).

Infine, l'edge computing offre alle aziende una capacità di resilienza maggiore e un risparmio sui costi. Mantenendo la potenza di elaborazione locale, le sedi periferiche possono continuare a operare indipendentemente da un sito centrale, anche se quest'ultimo dovesse smettere di essere operativo. Al contempo, avere la potenza di elaborazione vicino alla sorgente significa ridurre drasticamente i costi della larghezza di banda per trasmettere continuamente i tuoi dati tra le sedi periferiche e il sito centrale.


Quali sono i vantaggi dell'edge computing? 

Lo scopo principale del cloud computing è sempre stato quello di centralizzare i servizi in un numero limitato di grandi datacenter. La centralizzazione consentiva alle risorse di essere altamente scalabili e di condividere in modo più efficiente le informazioni, mantenendo al contempo il controllo e la sicurezza aziendale.

L'edge computing si rivolge a quegli esempi di utilizzo che non possono essere gestiti in modo efficiente dall'approccio centralizzato del cloud computing, in genere a causa di requisiti di rete o altri vincoli. Concentrandosi su molti piccoli siti di elaborazione che riducono i costi di rete, evita i vincoli della larghezza di banda, riduce i ritardi nelle trasmissioni, limita gli errori di servizio e controlla meglio i trasferimenti dei dati sensibili. I tempi di caricamento vengono ridotti di centinaia di millisecondi e i servizi online vengono erogati più vicino agli utenti, offrendo funzionalità di caching sia statico che dinamico.

Per gli utenti finali significa fruire di un'esperienza più veloce e coerente. Per le aziende e i provider di servizi significa ottenere una bassa latenza e app altamente disponibili con un monitoraggio in tempo reale.


Quali sono le sfide dell'edge computing?

L'edge computing è fondamentalmente una questione di scalabilità altamente distribuita.

  • Gestire una scalabilità orizzontale su più siti minori può risultare più complesso che aggiungere la capacità equivalente a ogni singolo datacenter centrale. Il carico di gestione delle posizioni fisiche può essere difficile da gestire per le aziende.
  • In genere, i siti di edge computing sono remoti e non dispongono quindi dell'assistenza tecnica on-premise. In caso di problemi in loco, occorre avere un'infrastruttura in cui personale non tecnico, gestito centralmente da un ristretto gruppo di esperti ubicati altrove, sia in grado di risolverli.
  • Le operazioni di amministrazione dei siti devono essere riproducibili in tutte le sedi di edge computing in modo da semplificarne la gestione, agevolare a risoluzione dei problemi e prevenire la cosiddetta "deriva della configurazione", ovvero la configurazione di software implementati in modi leggermente diversi in ciascun sito.
  • Da un lato l'edge computing offre un maggior controllo sui flussi delle informazioni vincolando i dati da un punto di vista geografico, dall'altro la sicurezza fisica on-premise è messa maggiormente a rischio. Questo potrebbe portare a un maggior rischio di incorrere in situazioni dannose o pericolose, come il disinnesto di un cavo.

Soluzioni open source per l'edge computing

Una base solida

Red Hat Enterprise Linux offre strumenti, applicazioni, framework e librerie per la creazione e l'esecuzione di applicazioni e container.
 

Prestazioni elevate

Red Hat OpenStack® Platform è una soluzione Infrastructure-as-a-Service affidabile e scalabile in grado di supportare i carichi di lavoro VM più complessi.

Carichi di lavoro containerizzati

Red Hat OpenShift® Container Platform, basato su Kubernetes offre un ambiente per la creazione, il deployment e la gestione di applicazioni containerizzate.

Scegli soluzioni Red Hat per l'edge computing

Insieme, troveremo le soluzioni per l'edge computing più adatte alle esigenze della tua azienda.