Accedi / Registrati Account

ARGOMENTO

I vantaggi di una cultura organizzativa aperta

Per l'esecuzione delle attività aziendali quotidiane, molti leader di affidano alla gerarchia. Un approccio dall'alto verso il basso, tuttavia, può rivelarsi carente in termini di collaborazione, comunicazione e innovazione, aspetti che invece caratterizzano gli ambienti di lavoro che supportano una cultura organizzativa aperta. Adottare questo tipo di approccio, incentrato su trasparenza, inclusività e adattabilità, può promuovere la nascita di nuove idee a qualsiasi livello.

Cos'è una cultura incentrata sull'apertura?

La cultura è spesso considerata come la personalità di un'organizzazione. È ciò che respirano e sperimentano le persone che entrano in un ufficio, partecipano a un meeting e osservano gli altri al lavoro. È così anche per una cultura incentrata sull'apertura. In essa, i valori e principi dell'apertura costituiscono e consolidano i processi, le comunicazioni, le strutture e anche le tecnologie aziendali. Molti elementi tipici di una cultura organizzativa aperta sono evidenti nelle più vivaci community open source.

Altre definizioni di cultura basata sull'apertura

Il concetto di cultura aperta può far riferimento anche a quel più ampio movimento politico e sociale basato sull'ampliamento dell'accesso alle risorse e ai prodotti culturali. Chi promuove una cultura aperta, ad esempio, sostiene iniziative come l'impiego delle licenze Creative Commons per rendere più accessibili le opere dell'ingegno, la digitalizzazione dei testi affinché siano disponibili a nuovi utenti e agli ipovedenti, il finanziamento di istituzioni come l'Internet Archive, che democratizza l'accesso ai prodotti culturali e le normative che limitano un'eccessiva protezione con copyright. Alcuni considerano l'open source, che enfatizza l'accessibilità del codice sorgente, un sottoinsieme del movimento globale per la cultura aperta. Tutto ciò è applicabile alla cultura organizzativa aperta.

Cos'è una cultura organizzativa aperta?

Sebbene la cultura aperta sia diversa da un'organizzazione all'altra, tutti gli ambienti aperti condividono una caratteristica comune: ogni membro dell'organizzazione, dal leader al singolo contributore, adotta questi valori e principi cardine.

Praticano l'inclusività per aprire canali di comunicazione tra i diversi reparti, accolgono punti di vista diversi e promuovono un ambiente nel quale le idee non vengono solo ascoltate, ma anche valutate con considerazione. Lavorano con team interfunzionali, per collaborare e condividere idee, offrire e ricevere feedback costruttivi e ottenere risultati migliori. Corrono rischi, si adeguano agli inevitabili cambiamenti e non hanno paura di compiere errori, il che, sotto molti aspetti, li rende agili.

Le organizzazioni che sostengono la cultura dell'apertura incoraggiano il confronto sulle nuove idee e sfide, e guidano con l'esempio, consolidando le relazioni e creando comunità più coese. Partono inoltre dalla conoscenza condivisa per promuovere il coinvolgimento e l'innovazione e si avvalgono della trasparenza come modalità di partecipazione e motivazione dei dipendenti.

Una cultura aperta è gratificante e stimolante

Lavorare in un ambiente che promuove l'apertura culturale è vantaggioso per i dipendenti a ogni livello, che sanno che i risultati sono più importanti di qualsiasi titolo e che sono le idee e i progetti migliori a vincere. Applicano al proprio lavoro un processo decisionale consapevole, collettivo e non gerarchico. E, pur essendo responsabili delle proprie azioni, hanno la libertà di gestire le proprie condizioni di lavoro e di scegliere i progetti che ritengono più consoni alle proprie capacità e interessi. L'equilibrio che ne ottengono può incentivarli e fornire loro gli strumenti adatti a fare sempre del loro meglio.

Coltivare una cultura aperta riserva senz'altro importanti gratificazioni, ma per molte organizzazioni questo compito resta una sfida. Di fatto, sulla cultura incide fortemente il comportamento dei dirigenti, e affinché l'apertura possa radicarsi e dare i suoi frutti, i leader devono reinventare alcune loro attitudini. 

Per potersi dire aperti, i responsabili devono abbattere le barriere alla comunicazione, guidare senza imporsi e cambiare il proprio atteggiamento rispetto a ciò che significa essere leader. Devono superare il processo decisionale che parte dall'alto, condividendo invece le idee e sollecitando la partecipazione. Devono essere aperti e trasparenti, agevolando il libero scambio delle informazioni e delle idee. Infine, devono commettere apertamente i propri errori e prendersene la responsabilità, permettendo così ai dipendenti di agire nello stesso modo.

Questo tipo di trasformazione organizzativa non avviene da un giorno all'altro, ma richiede tempo per adattarsi ai nuovi atteggiamenti e processi, e deve tener conto di numerose procedure di gestione aperta, dalla progettazione di un framework decisionale aperto alla scalabilità delle operazioni. Ma non è certo impossibile. Accogliendo i valori e i principi tipici di una cultura aperta, i leader possono sfruttare al meglio le conoscenze dei propri associati, individuare e adottare modi nuovi e creativi di collaborare con clienti e fornitori e ottenere risultati più solidi per tutti.

LIBRI SULLA CULTURA APERTA

Approfondisci il significato di una cultura incentrata sull'apertura

BOOK OF RED HAT

Leggi la nostra storia, gli obiettivi che condividiamo, e il modo in cui hanno contribuito a dar forma alla nostra cultura aperta.

ORGANIZE FOR INNOVATION

Crea una cultura dell'innovazione nella tua azienda.

L'organizzazione aperta

Scopri perché una leadership aperta porta al successo dell'azienda.