Storia di successo

Turkcell ottiene uno storage cloud scalabile per migliorare affidabilità e stabilità

In breve

Settore: telecomunicazioni
Regione: EMEA
Sede: Istanbul, Turchia
Dimensioni dell'azienda: 16.000 dipendenti in 9 paesi

Red Hat è uno dei pionieri nella community OpenStack, e volevamo approfittare della sua esperienza e delle sue conoscenze.

Orhan biyiklioĞlu, senior systems administrator, turkcell

2017 red hat certified professional of the year

Informazioni sull'azienda

Turkcell, provider di servizi di telefonia mobile, necessitava di una piattaforma scalabile e flessibile per soddisfare le richieste del suo prodotto di storage su cloud, lifebox. Grazie alle soluzioni e al supporto forniti da Red Hat®, Turkcell ha realizzato una nuova piattaforma per eseguire il deployment delle nuove funzionalità in modo più rapido, semplificare la gestione, ed ottenere la scalabilità necessaria per far fronte al previsto aumento della domanda, il tutto riducendo i costi.

Vincitore del titolo Red Hat Certified Professional of the Year 2017

La strada verso il successo

La sfida: rinnovare la piattaforma cloud per fornire prodotti migliori ai clienti

L'offerta lifebox di Turkcell consente ai clienti di archiviare e condividere foto, musica, video e documenti attraverso il cloud. L'azienda ha iniziato a sviluppare lifebox utilizzando una piattaforma cloud proprietaria, riscontrando che ritardava l'innovazione e aumentava i costi. “La soluzione esistente non rispondeva alle nostre esigenze di scalabilità. Inoltre, stavamo riscontrando anche alcuni problemi nell'architettura” ha affermato Orhan Bıyıklıoğlu, senior systems administrator presso Turkcell. Turkcell aveva bisogno di una piattaforma più agile, flessibile ed economicamente vantaggiosa per continuare a costruire e lanciare il suo nuovo servizio.

Caso cliente

Turkcell ottiene uno storage cloud scalabile con Red Hat OpenStack Platform

L'obiettivo: passare a una soluzione OpenStack flessibile e scalabile

Sulla base degli obiettivi precedentemente raggiunti con Red Hat Enterprise Linux®, Turkcell ha scelto di migrare alla piattaforma Red Hat OpenStack®, supportata da OpenStack Swift per lo storage degli oggetti. “Avevamo già un buon rapporto con Red Hat... Red Hat è uno dei pionieri nella community OpenStack e volevamo approfittare della sua esperienza e delle sue conoscenze”, ha dichiarato Bıyıklıoğlu. Turkcell si è rivolta a Red Hat anche per ricevere supporto e servizi durante e dopo la migrazione.

La soluzione: sfide del cloud e dei dati superate

La nuova soluzione di Turkcell offre migliori affidabilità e stabilità senza interruzioni, un requisito fondamentale per supportare i dati critici degli utenti. Il software open source ha consentito a sua volta di ridurre il costo totale di proprietà (TCO), eliminando il vincolo al fornitore e le tariffe per le licenze. In aggiunta, la nuova piattaforma di Turkcell offre una scalabilità e un'agilità maggiori necessarie per supportare la crescita futura. “Con Red Hat OpenStack Platform e le altre nuove soluzioni, abbiamo costruito un'infrastruttura flessibile che aiuta i nostri sviluppatori ad aggiungere nuove funzionalità con più rapidità”, ha detto Bıyıklıoğlu. “L'infrastruttura non rappresenta più un ostacolo nel deployment di nuove funzionalità”.

Il passaggio da un prodotto proprietario all'applicazione sviluppata dal nostro team non ci impone il pagamento di tariffe di licenza, consentendoci di ottenere notevoli risparmi. Basandosi su una piattaforma open source, la soluzione ci permette anche di poter migrare con facilità a un altro provider qualora ne avessimo bisogno, senza dover sostenere grossi costi per la migrazione.

Orhan biyiklioĞlu, senior systems administrator, turkcell

2017 red hat certified professional of the year
Il marchio denominativo e il logo OpenStack sono marchi commerciali o marchi registrati, negli Stati Uniti e in altri paesi, di proprietà della OpenStack Foundation. Pertanto sono da utilizzarsi, insieme o separatamente, previa autorizzazione della OpenStack Foundation. Red Hat, Inc. non ha rapporti di affiliazione con la OpenStack Foundation o con la community di OpenStack, né riceve da esse sponsorizzazioni o finanziamenti.