API

Perché scegliere Red Hat per la gestione delle API

Red Hat offre soluzioni API complete, ottimizzate e modulari, che sono basate sull'open source e adatte a un'infrastruttura on-premise o nel cloud.

Nessuna app è a sé stante

Non c'è applicazione che fornisca valore aziendale in autonomia - non nel lungo termine, almeno. Per offrire valore in modo continuo e diventare parte integrante dell'azienda, l'app dovrà essere collegata agli investimenti in tecnologia esistenti e futuri.

Anche la tua azienda affronta questa sfida, e per rimanere competitiva deve fornire esperienze sempre innovative ai clienti, in tempi rapidi. Quali benefici può tuttavia offrire una nuova app se non è adeguatamente integrata negli investimenti esistenti? Come riuscire a implementare la sicurezza delle API in modo proattivo, flessibile e coerente?

In conclusione, ti occorre una soluzione per integrazioni distribuite e ripetibili in tempi rapidi, e una modalità per poi gestirle.

A una progettazione e gestione ottimale delle interfacce di programmazione delle applicazioni corrisponde una rapida integrazione con i nuovi prodotti e servizi dell'azienda, senza compromessi in termini di controllo e sicurezza. Le API consentono di riutilizzare le risorse e offrono maggiore versatilità durante la progettazione di nuovi strumenti e prodotti. Quando le API facilitano la comunicazione tra decine di punti di contatto digitali, l'esecuzione dell'architettura software è migliore.

Implementare e gestire le integrazioni delle API può essere difficile. Ad esempio, la soluzione potrebbe non supportare gli utenti non esperti. Anche nel caso in cui la soluzione iPaaS adottata tenga conto di questo limite, potrebbe comunque richiedere agli utenti di passare per un hub centralizzato per estendere i servizi o richiederne di nuovi, rallentando il ritmo di lavoro del team. Se le API sono pubbliche, (per la monetizzazione, come nel caso delle API di Google Maps) è poi necessario controllarne accesso e utilizzo. Infine, l'infrastruttura API deve essere in grado di adattarsi alla crescita aziendale, e quindi occorrono una soluzione e un'architettura che siano scalabili. Un approccio incentrato sulle API, che promuova l'agile integration, permette di trarre il massimo vantaggio dalle tue API.


In cosa si differenzia Red Hat?

Come altri fornitori, Red Hat crea soluzioni di gestione delle API modulari, leggere e complete. Le nostre offerte sono però esclusivamente open source, basate su standard aperti e disponibili on-premise, nel cloud o in ambienti ibridi. Il nostro impegno verso le tecnologie open source fa sì che le soluzioni Red Hat vengono sottoposte a test accurati da parte di diverse community: ingegneri Red Hat, clienti, fornitori di hardware e software indipendenti, e partner. Red Hat offre un approccio open source.

Le soluzioni API di Red Hat rendono l'infrastruttura informatica agile e riutilizzabile anche grazie all'interfaccia di gestione che consente di misurare e monitorare tecnologie e processi sfruttandone la scalabilità per crescere insieme alla tua azienda.

Red Hat è indicata come azienda leader nella gestione delle API

Nel "Magic Quadrant for Full Life Cycle API Management", Gartner confronta Red Hat® 3scale con le soluzioni per API di altri fornitori e dichiara che Red Hat è un leader che si distingue da tutti gli altri.

Le nostre soluzioni per la gestione delle API

Gestisci le tue API con 3scale

Red Hat® 3scale API Management è una piattaforma di gestione delle API che rende semplice condividere, proteggere, distribuire, controllare e monetizzare le tue API. 3scale API Management è progettata per la scalabilità e supporta l'architettura ibrida: on-premise, nel cloud o in una combinazione dei due. Punti a monetizzare l'accesso alle tue API? Usa il portale per gli sviluppatori integrato e l'integrazione della piattaforma con Stripe, Baintree e Adyen per creare un sistema di fatturazione end-to-end semplificato tra utenti e provider delle API.

3scale API Management si suddivide in due livelli: uno per la gestione del programma API e uno per il controllo del traffico API. I metodi più tradizionali di controllo del traffico richiedono più tempo perché devono procedere all'autenticazione di una chiamata API completa. Il livello di controllo del traffico di 3scale invece ispeziona soltanto l'intestazione della chiamata in ingresso, e pertanto il traffico viene scansionato e autenticato più rapidamente. I controlli di accesso, delle policy e del traffico semplificano l'autenticazione del traffico, l'applicazione di limiti basati su policy, la protezione dei servizi di back-end, l'imposizione di limiti di velocità e la creazione di livelli di accesso.

I due livelli comunicano tra loro in modo asincrono tramite strategie di caching configurabili sul gateway API. In questo modo, ad esempio, se la configurazione della policy di gestione dell'API non è disponibile, il programma API non subisce rallentamenti e resta operativo. Poiché il gestore e il gateway delle API sono separati, è possibile eseguire il ridimensionamento in modo indipendente e supportare opzioni di deployment più complesse.

3scale API Management include un portale per sviluppatori completamente personalizzabile, un'unica posizione di facile utilizzo dalla quale reperire tutto il necessario: gestione account e app, strumenti di analisi, gestione delle chiavi API e così via. Uno strumento interattivo per la creazione di documentazione sulle API consente agli sviluppatori di esaminare le API in tempo reale, mentre un motore di analisi permette di acquisire tutte le informazioni utili sugli schemi di prestazioni e traffico delle API. È infine possibile creare “pacchetti di API” diversi per vari prodotti, definendo e configurando policy idonee per utenti di API con requisiti differenti. È un'ottima opportunità per creare modelli aziendali univoci basati sulle API, finalizzati a soddisfare clienti con diverse esigenze.

Inizia subito

Una piattaforma che rende semplice condividere, proteggere, distribuire, controllare e monetizzare le API per utenti interni o esterni.

Integra le risorse IT con Fuse

Red Hat Fuse è una piattaforma per l'integrazione distribuita che consente a esperti di integrazione, sviluppatori di applicazioni e utenti aziendali di collaborare alla creazione di soluzioni connesse in modo indipendente. Fuse, grazie allo sviluppo centrato sulle API in un ambiente cloud-native, garantisce grande semplicità di estensione e riutilizzo di servizi e integrazioni. L'architettura ibrida e l'uso della tecnologia per container permette agli utenti di operare nell'ambiente a loro più familiare, con la sicurezza di poter condividere e usare il proprio lavoro ovunque: on-premise, nel cloud o in una qualsiasi combinazione dei due. La collaborazione tra diversi utenti è ulteriormente incentivata da basi condivise e facili da usare, che garantiscono una governance trasparente e coerente.

Per 15 anni, l'integrazione aziendale si è basata su Enterprise Service Bus, uno standard di settore spesso distribuito in modo centralizzato e gestito da un unico team IT. Con questo modello, la responsabilità di tutte le esigenze di integrazione dell'intera azienda ricadeva sul team centrale. È un modello che garantisce efficienza e controllo per i deployment dell'integrazione, adatto a determinati esempi di utilizzo, ma che può ostacolare approcci più moderni come DevOps e i flussi di lavoro agili. Oggi chi crea innovazione lavora in team più piccoli collaborando a schemi di deployment molto più frequenti. Una soluzione di integrazione delle API è il metodo giusto per supportare i team che hanno scelto un approccio agile. Fuse include oltre 200 connettori che consentono di integrare tutto, dai sistemi esistenti alle reti di partner.

L'interfaccia low-code permette agli utenti di usare modelli di integrazione e servizi predefiniti per creare nuove soluzioni aziendali usando una tecnologia drag-and-drop in modalità self-service. Tutto ciò incoraggia gli utenti a lavorare insieme ma restando indipendenti per integrare le app, le API e i dispositivi IoT esistenti in una singola soluzione di integrazione unificata. L'automazione garantisce che le attività di verifica, provisioning e protezione dei singoli servizi siano eseguite come routine, permettendo ai team di gestire un flusso di distribuzione continua.

Inizia subito

Una piattaforma di integrazione cloud-native distribuita in grado di connettere tutte le API in qualsiasi ambiente IT: on-premise, sul cloud o altre combinazioni.

Agile Integration for Today's Cloud-Enabled Enterprise

il 41%

delle aziende con esperienza cloud hanno un approccio "Cloud First"

Il 40%

degli intervistati utilizza soluzioni di integrazione delle applicazioni, integrazione dei dati o gestione delle API on-premise

Il 54%

degli intervistati nel 2017 aveva usato microservizi nei progetti cloud per lo sviluppo di applicazioni personalizzate

La voce dei nostri partner è il nostro biglietto da visita. Un'ottima referenza.

Di seguito puoi leggere alcune storie legate al settore dell'aviazione. Mostrano come una soluzione API efficace possa garantire all'azienda più rapidità, efficienza ed elevati livelli di scalabilità.

Abbiamo previsto un rischio associato all'esecuzione della nostra API Flight sull'infrastruttura critica. Non riuscivamo ad ottenere livelli di scalabilità sufficienti dall'infrastruttura on-premise esistente, così abbiamo deciso di considerare l'adozione di un cloud di livello enterprise.

Mechiel Aalbers, senior technical application coordinator, Aeroporto di Amsterdam-Schiphol

Teoricamente, eravamo già dotati di queste capacità API. Ma non le avevamo implementate, perché complesse e difficili da usare. Con la nuova soluzione è tutto più semplice.

Bjørn Hole, Head of innovation and I.T. architecture, Flytoget

È grazie alle tecnologie open source di Red Hat che abbiamo risolto i problemi e ottenuto una visione chiara di quanto avevamo a disposizione.

Tobias Mohr, Head of technology and infrastructure, Aviator, Lufthansa Technik

Innovazione aperta con Red Hat

Il contributo delle community open source è essenziale alla creazione delle nostre soluzioni API. Ciò implica che più persone realizzano software capace di risolvere i problemi in modo aperto, trasparente e libero. L'open source non garantisce tuttavia l'innovazione.

Quella reale nasce dallo scambio di idee e dalla collaborazione mirata a risolvere i problemi, aspetti offerti dall'open source supportato da una community. ed è qui che entra in gioco l'iniziativa Red Hat Open Innovation Labs, un servizio di consulenza residenziale, altamente specializzato e mirato, rivolto a gruppi da tre a sei sviluppatori, durante il quale viene illustrato come creare applicazioni connesse alle API secondo l'approccio Red Hat.