e-NABLE

Tecnologia aperta per un progresso più rapido

Guarda il video

Contenuti del video

L'inizio di un progetto importante

Nel 2011, Richard Van As iniziò a progettare una mano realizzata con stampa in 3-D. Dopo aver perso tutte le dita della mano destra lavorando in una falegnameria, capì che non poteva permettersi di acquistare una protesi. Decise quindi di fabbricarne una.

Creò così un'occasione per dimostrare quanto i progetti open source siano efficienti e veloci.

La realizzazione di protesi è un progetto complesso. Perciò, dopo aver creato i primi prototipi, Richard contattò Ivan Owen, artista specializzato nella realizzazione di burattini ed effetti speciali, che aveva costruito una mano meccanica di grandi dimensioni. Richard e Owen vivevano in continenti diversi e non si erano mai incontrati prima, eppure unirono le loro competenze e iniziarono a lavorare a un prototipo.

Presto, iniziarono a ricevere richieste da altre persone che avevano la stessa necessità di Richard. Da allora, collaborano per cambiare la vita di persone che non hanno mai incontrato, come Liam e Waldo, due ragazzi sudafricani protagonisti di un video di YouTube.

Le proposte di collaborazione giunsero da tutto il mondo

Quando Jon Schull, un ricercatore scientifico del Rochester Institute of Technology (RIT), vide Liam e Waldo tramite il video di YouTube, notò alcuni commenti di persone che desideravano offrire il proprio supporto. Jon creò una mappa Google e la pubblicò nella sezione commenti. Poi chiese a coloro che erano disposti a contribuire alla realizzazione di protesi, di aggiungere la propria posizione sulla mappa.

Così nacque la community e-NABLE, che ha lo scopo di convogliare l'entusiasmo dei collaboratori in un progetto no profit scalabile e organizzato. In appena un anno e mezzo, le adesioni sono passate da alcune centinaia a circa 5.000.

Oggi, e-NABLE concretizza l'energia della community, sviluppando dispositivi e mettendoli a disposizione di tutti coloro che ne hanno bisogno. Condividendo le loro idee, la comunità ha migliorato la qualità delle protesi e fornito dispositivi in grado di cambiare la vita a chi li riceve, con una velocità superiore a quella garantita dal lavoro dei singoli.

Tecnologie open source per un progresso più rapido.

La storia di e-NABLE ha illustrato il ruolo del modello di sviluppo open source in una community che realizza dispositivi hardware. Il modello di ricerca e sviluppo descritto mette gli utenti nelle condizioni di realizzare progetti. Abbiamo scoperto una community aperta di collaboratori pronti a rivoluzionare un intero settore.

Ma, cosa più importante, ci siamo imbattuti in individui con profili molto variegati che desideravano aiutare dei perfetti sconosciuti. Il video racconta la loro storia e i notevoli vantaggi dello sviluppo open source.

Tutto ciò che facciamo noi di Red Hat si fonda su questi stessi principi. Che si tratti di scrivere codice, rendere attiva una community o aiutare un bambino in difficoltà, l'approccio open source sta rivoluzionando il nostro modo di vivere e lavorare.

Informazioni sulla E-nable Community Foundation

Promossa dal Rochester Institute of Technology (RIT), e-NABLE offre stampa 3D ed altri servizi innovativi, basati sul modello crowdsourcing. Opera sotto la guida del Center for MAGIC (Media, Arts, Games, Interaction and Creativity) del RIT, grazie al sostegno dell'iniziativa Access and Collaborative Technologies e al lavoro di Jon Schull, ricercatore scientifico di MAGIC.

Scopri di più sulle iniziative della community, proponiti come volontario per realizzare un progetto con la tua stampante 3-D oppure effettua una donazione all'indirizzo enablingthefuture.org.

Ulteriori informazioni su Open Source Stories

Open Source Stories è una nuove serie prodotta da Red Hat Films in cui si racconta come la tecnologia open source aiuti le persone a risolvere le loro sfide personali e lavorative quotidiane. Abbiamo realizzato questa serie per rendere merito ai singoli individui e alle organizzazioni di tutto il mondo che, partecipando a progetti condivisi e rifacendosi alla filosofia open source, rendono possibile il cambiamento. Ciascun video fornisce una prospettiva unica su come questo approccio possa incidere su aspetti quali la fiducia, l'innovazione, la meritocrazia, la ricerca e lo sviluppo.

Le storie raccontate dimostrano inoltre che la filosofia e la strategia di Red Hat conducono oltre il software, verso un mondo in cui essere aperti significa rendere possibile il cambiamento in svariati ambiti: istruzione, community, associazioni filantropiche e iniziative imprenditoriali.

Scopri di più

Extra

Dai un'occhiata dietro le quinte

Dai risalto alle nostre storie. Usa #opensourcestories per condividere.