Vai al paragrafo

Cos'è la gestione della virtualizzazione?

Copia URL

Per gestione della virtualizzazione si intende il software che si interfaccia con gli ambienti di virtualizzazione e l'hardware fisico sottostante per semplificare l'amministrazione delle risorse, migliorare l'analisi dei dati e velocizzare i processi. Ciascun sistema di gestione della virtualizzazione è univoco, ma gran parte di essi utilizza un'interfaccia utente semplice, agevola il processo di creazione delle VM, monitora gli ambienti virtuali, assegna le risorse, compila i report e applica automaticamente le regole. Alcune soluzioni sono compatibili con diversi brand hardware e software, per consentire agli utenti di installare il sistema di gestione più adatto a loro.

A seconda della grandezza e della varietà dei tuoi ambienti, del livello di esperienza del tuo team e degli obiettivi strategici, un software per la gestione della virtualizzazione potrebbe rendere la tua vita molto più semplice. Naturalmente è possibile gestire manualmente un numero limitato di macchine virtuali (VM) da un'unica workstation; tuttavia, per le grandi aziende è indispensabile eseguire il deployment di un software per la gestione della virtualizzazione al fine di garantire il funzionamento ottimale dei sistemi.

Il deployment delle VM non viene eseguito automaticamente nel momento in cui gli hypervisor vengono installati, poiché è necessario dare istruzioni al software. Ciò interessa solitamente 4 livelli di responsabilità, che si moltiplicano ad ogni richiesta di una nuova istanza virtuale.

Provisioning

Elaborazione delle richieste di risorse, creazione di modelli e configurazione delle VM.

Conformità

Proteggere e monitorare i sistemi, identificare le problematiche e convalidare l'accesso degli utenti.

Operazioni

Recuperare o disattivare le risorse fisiche inutilizzate e sottoutilizzate, individuare bug e anticipare le esigenze future.

Unificazione degli ambienti ibridi

Implementare le altre 3 responsabilità tra ambienti virtuali, cloud privato, cloud pubblico e containerizzati.

Gli ambienti virtuali tradizionali sono piuttosto semplici: contengono hardware fisico e macchine virtuali. Ma anche questi possono diventare difficili da gestire se ci sono troppe istanze.

Immagina di lavorare in un grande hotel, dove non solo hai la responsabilità di risolvere i principali problemi di manutenzione, ma devi anche assicurarti che le luci siano spente, le porte siano bloccate e che l'acqua non venga lasciata scorrere in ogni stanza. Questi sono compiti semplici che possono richiedere molto, molto tempo ed è una situazione in cui hai solo 2 scelte:

  1. Controllare le stanze vuote e avere poco tempo a disposizione per risolvere problemi più grandi
  2. Risolvere i problemi più grandi e avere poco tempo a disposizione per controllare le stanze vuote

E se prese elettriche, rubinetti e serrature fossero sincronizzati con un'app che spegne automaticamente le luci, blocca le porte e controlla il flusso delle tubature nelle stanze vuote dopo il check-out degli ospiti? Ti eviterebbe di salire ogni gradino, attraversare ogni lungo corridoio e aprire ogni porta solo per eseguire alcune semplici attività, lasciandoti il tempo per risolvere i problemi principali di manutenzione che non possono essere automatizzati.

In questa analogia, ogni stanza è una macchina virtuale. Quando semplici attività di manutenzione vengono distribuite su centinaia di istanze, l'intero sistema diventa difficile da gestire. Il software di gestione può in parte sostituire i professionisti IT, consentendo loro di risolvere i problemi a livello di intera azienda.

virtualization management diagram

diagramma di gestioneGli ambienti ibridi sono costituiti da 2 o più ambienti di container, cloud privati, cloud pubblici o virtuali interconnessi.

Queste configurazioni sono molto più complesse degli ambienti virtuali tradizionali, poiché ogni responsabilità è ripetuta secondo regole proprie. Immagina tutte le parti di un tipico sistema di intrattenimento: TV, decoder via cavo, sistema audio e alcune console di gioco, ognuna con il proprio telecomando. Nessuno ha mai detto che gestire più telecomandi sia una situazione ideale. Piuttosto, è qualcosa che tolleriamo finché non ci procuriamo un'app che gestisce l'intero sistema da un'unica interfaccia.

diagramma di gestione di ambienti ibridi

Lo stesso vale per gli ambienti ibridi: i cloud privati sono protetti in modo diverso dai cloud pubblici e il commissioning delle VM è diverso dal commissioning dei container. Aggiungendo questa considerazione alla situazione aziendale specifica, allo stack IT e al livello di esperienza, scegliere le soluzioni gestionali giuste si fa difficile. Tuttavia, gli strumenti appropriati esistono, e i migliori unificano gli ambienti eterogenei in una soluzione scalabile e indipendente dal fornitore, offrendo agli amministratori IT una maggiore efficienza senza aumentare i costi operativi.

 

Perché è molto più facile eseguire il deployment della soluzione gestionale giusta per te quando hai a disposizione tutte le opzioni possibili, ed è esattamente ciò che succede grazie alla tecnologia open source. Ma quando si è vincolati da un contratto con un fornitore che limita l'accesso al codice sorgente, viene limitato anche l'accesso a ciò che è compatibile con la piattaforma di virtualizzazione del fornitore o a soluzioni alternative dispendiose in termini di tempo. Questa eccessiva dipendenza potrebbe portare ad accordi di licenza di livello enterprise forzati sempre più costosi, impedendoti di eseguire il deployment degli strumenti e delle tecnologie ideali per il tuo ambiente lavorativo.

Per ottenere la massima efficienza, la virtualizzazione di livello enterprise deve essere open. Sfrutta appieno le nostre tecnologie open source e inizia subito ad analizzare, modificare e migliorare il codice sorgente su cui si basano. Ai nostri prodotti si affidano oltre il 90% delle aziende della classifica Fortune 500*: con un'infrastruttura virtuale basata sui prodotti e sulle tecnologie Red Hat realizzerai tutti i tuoi obiettivi.

*Dati sui clienti Red Hat e classifica Fortune 500, giugno 2018

Keep reading

ARTICOLO

Container e VM

I container Linux e le macchine virtuali (VM) sono entrambi pacchetti di ambienti di elaborazione che combinano vari componenti IT e li isolano dal resto del sistema.

ARTICOLO

Cos'è una macchina virtuale (VM)?

Una macchina virtuale (VM) è un ambiente di elaborazione isolato creato astraendo le risorse da una macchina fisica.

ARTICOLO

La tecnologia KVM

KVM (Kernel-based Virtual Machine) è una tecnologia di virtualizzazione open source che trasforma Linux in un hypervisor.

Illustration - mail

Ricevi contenuti simili

Iscriviti a Red Hat Shares, la nostra newsletter gratuita.