Accedi / Registrati Account

Infrastruttura

Cos'è il software defined networking (SDN)?

Jump to section

Le reti software defined (definite anche SDN) offrono un approccio all'infrastruttura IT che consente di astrarre le risorse di rete in un sistema virtuale. L'SDN separa le funzioni di inoltro da quelle di controllo della rete, con l'obiettivo di creare una rete gestibile e programmabile a livello centralizzato. Consente inoltre ai team responsabili dei processi IT di controllare il traffico di rete in topologie di rete complesse impiegando un pannello di controllo centralizzato anziché gestire manualmente ogni dispositivo di rete.

I vantaggi del software defined networking

Le organizzazioni adottano le reti software defined per superare le limitazioni delle infrastrutture tradizionali. Tra i vantaggi delle reti software defined ricordiamo:

  • Costo ridotto: le infrastrutture basate sulle reti software defined sono in genere più economiche dei loro corrispettivi hardware, perché vengono eseguite su server commerciali standard e non su appliance specializzate e costose. Hanno inoltre un footprint ridotto, poiché più funzioni possono essere eseguite su un singolo server. A fronte di una riduzione dell'hardware fisico necessario, si ottengono un consolidamento delle risorse (date le esigenze di spazio fisico e consumo energetico inferiori) e un risparmio sui costi complessivi più elevato. 
  • Scalabilità e flessibilità aumentate: la virtualizzazione dell'infrastruttura di rete consente di espandere o comprimere le risorse di rete in funzione delle esigenze del momento, senza dover ricorrere all'acquisto di componenti hardware proprietari. Una rete software defined consente il provisioning self service delle risorse, garantendo una notevole flessibilità.
  • Gestione semplificata: l'adozione di una rete software defined assicura un'infrastruttura complessivamente più facile da utilizzare e gestire anche da esperti di rete non specializzati. 

Se combinata allo storage software defined e ad altre tecnologie, la rete software defined va a costituire l'approccio all'infrastruttura IT noto come iperconvergenza, in cui ogni elemento è definito dal software.

Software defined networking (SDN) e Network function virtualization (NFV)

Le aziende del settore delle telecomunicazioni hanno a propria disposizione un altro tipo di astrazione della rete, la virtualizzazione delle funzioni di rete (NFV). Come accade con le reti software defined, anche la tecnologia NFV astrae le funzioni di rete dall'hardware. La virtualizzazione delle funzioni di rete supporta le reti software defined fornendo un'infrastruttura adatta all'esecuzione del software su cui si basa. Garantisce ai provider la flessibilità di eseguire le funzioni su server differenti o di spostarle come necessario al variare della domanda, consentendo ai provider di servizi di telecomunicazioni di accelerare la distribuzione di servizi e applicazioni. Se, ad esempio, un cliente richiede una nuova funzione di rete, il provider può attivare una nuova macchina virtuale (VM) per soddisfare la richiesta. Quando la funzione non è più necessaria, la VM potrà essere dismessa. La virtualizzazione delle funzioni di rete rappresenta una modalità a basso rischio per testare il valore di un nuovo potenziale servizio.

In base ai risultati che si desidera ottenere, gli approcci NFV e SDN possono essere utilizzati insieme, entrambi su hardware standard. NFV e SDN ti permettono di realizzare un'architettura di rete più flessibile, programmabile e con un impiego efficiente delle risorse.