Accedi / Registrati Account

Cloud computing

Cos'è il servizio PaaS?

Platform-as-a-Service (PaaS) è un servizio di cloud computing in cui l'hardware e la piattaforma software applicativa vengono forniti da terze parti. Pensato principalmente per sviluppatori e programmatori, il servizio PaaS offre una piattaforma su cui l'utente può sviluppare, eseguire e gestire applicazioni senza dover creare e gestire l'infrastruttura o la piattaforma normalmente associate a tali processi.

Il servizio PaaS prevede che hardware e software siano ospitati nell'infrastruttura del provider, che distribuisce la piattaforma all'utente come soluzione integrata, stack di soluzioni o servizio erogato tramite una connessione Internet.

Ipotizza ad esempio di voler realizzare il tuo prossimo importante progetto di sviluppo applicativo: hai scritto il codice di un'applicazione in grado di semplificare tutte le attività interessate e con un'efficienza senza precedenti. È un progetto innovativo che apporterà notevoli vantaggi nell'immediato e offrirà sviluppi futuri interessanti. Per evitare di farti carico dell'installazione dell'hardware on premise, della manutenzione dei server, dell'aggiornamento del software dell'infrastruttura, e della configurazione di una piattaforma personalizzata sulla quale creare l'app, ti rivolgi a un provider PaaS che ospiterà la piattaforma e fornirà l'ambiente necessario per l'esecuzione del tuo codice.


IaaS, PaaS e SaaS

Con "as-a-Service" si indica in genere un servizio gestito da un provider esterno per conto dell'utente, che in questo modo ha la possibilità di dedicarsi alle attività strategiche come il codice e le relazioni con i clienti. Altre opzioni as-a-Service sono: Infrastructure-as-a-Service (IaaS) e Software-as-a-Service (SaaS).

Nel caso di una soluzione IaaS, il provider gestisce l'infrastruttura, ovvero i server fisici, la rete, la virtualizzazione e lo storage per conto del cliente, attraverso un cloud. L'utente accede a tale infrastruttura, sostanzialmente a noleggio, tramite un'interfaccia di programmazione delle applicazioni (API) o un dashboard, e gestisce aspetti come il sistema operativo, le app e il middleware. Il provider si occupa invece di tutto l'hardware, della connettività di rete, dei dischi rigidi, dello storage dati e dei server, assumendosi la responsabilità di gestire disservizi, riparazioni e problemi hardware.

Un servizio SaaS prevede che sia il provider a gestire un'app per l'utente. Il provider si occupa degli aggiornamenti software, della correzione dei bug e di altre attività generiche di manutenzione del software, mentre l'utente si connette all'app tramite un'API o un browser web. Si evita così di installare un'applicazione in locale o su ogni singolo computer.


I vantaggi del PaaS

I servizi PaaS sono una valida opzione per gli sviluppatori e i programmatori che scrivono codice per realizzare i loro progetti creativi, ma che non hanno o preferiscono non avere le attrezzature nelle proprie strutture e gestirne la manutenzione.

Possono invece sincronizzare il proprio codice con un PaaS ed eseguire le applicazioni utilizzando hardware e software del provider, a cui vengono delegate le attività di manutenzione e aggiornamento. Ciò consente ai programmatori di dedicarsi a futuri sviluppi e innovazioni con meno distrazioni, riducendo al tempo stesso le attività di installazione e coding relative all'infrastruttura. Trovandosi nel cloud, il PaaS consente anche scalabilità e migrazione semplificate.


Come scegliere un provider di servizi PaaS

Per la scelta della soluzione PaaS adatta alle proprie esigenze, è bene valutare alcuni aspetti:

  • Quali funzionalità include? Sono utili per la tua app? Con la crescita e lo sviluppo costanti delle app e l'aggiunta di più utenti, diventa utile poter adottare una rapida scalabilità e avere a disposizione le opzioni che si rendono via via necessarie.
  • La soluzione è ottimizzata per il linguaggio e il framework in uso? In caso contrario, i runtime potrebbero diventare un problema.
  • Il provider garantirà un'assistenza continuativa? È bene verificare che il provider sia affidabile, che goda di buona reputazione tra i suoi clienti e che sia in grado di offrire supporto quando necessario.
  • È possibile prevedere quanti utenti utilizzeranno l'app? Più è alto il numero di utenti e più specifico il codice, più lenta sarà l'esecuzione dell'applicazione e più difficile si rivelerà eseguire la migrazione da un service provider a un altro nel caso in cui sia necessario.

Le soluzioni PaaS di Red Hat

Le soluzioni Red Hat sono garanzia di sicurezza, community e decenni di esperienza, e offrono la flessibilità indispensabile per far crescere ed espandere i tuoi progetti. Grazie agli stack di app on demand e ai modelli di app preconfigurati, puoi iniziare a realizzare le tue app con un solo clic.

Red Hat®OpenShift è una piattaforma applicativa per container che include un sistema operativo Linux di livello enterprise, runtime per container, strumenti di rete, per il monitoraggio e di registro, e soluzioni per l'autenticazione e le autorizzazioni. Clienti del calibro di Hilton hanno adottato Red Hat OpenShift per configurare i servizi PaaS per i propri sviluppatori interni.

Red Hat OpenShift ti consente di automatizzare la gestione del ciclo di vita per incrementare la sicurezza, creare soluzioni operative su misura e ottenere la portabilità delle app. Hai inoltre la possibilità di standardizzare il flusso di lavoro degli sviluppatori, ottimizzare la distribuzione, supportare svariati ambienti e agevolare l'integrazione continua parallelamente alla gestione automatizzata delle release. Red Hat Marketplace offre il deployment automatizzato di software certificato, su qualsiasi cluster Red Hat OpenShift.

Red Hat OpenShift è orientato alla sicurezza e offre supporto per la piattaforma Kubernetes, con formazione e consulenza per i clienti che richiedono ulteriore assistenza.

Fai il primo passo con PaaS