Cerca

Italiano

Italiano

Accedi

Accedi/Registrati

Website

Argomento

I vantaggi della trasformazione digitale

Da sempre, l'evoluzione dei modelli aziendali si basa sugli avanzamenti tecnologici. Oggi tuttavia, per la scalabilità intrinseca del digitale o per i vari metodi che, grazie alle nuove funzionalità, consentono di migliorare l'esperienza cliente, i cambiamenti seguono un ritmo incessante. La velocità esponenziale del cambiamento esige un'innovazione costante e iterativa. Trasformazione digitale significa esattamente questo.

Che cos'è la trasformazione digitale?

L'espressione "trasformazione digitale" descrive l'evoluzione delle aziende e di interi settori produttivi promossa dai rapidi progressi della tecnologia digitale,

ma può assumere diversi significati. A volte descrive ciò che accade nel mondo. Nell'ultimo decennio abbiamo assistito a cambiamenti rivoluzionari dei mercati, dei modelli aziendali e delle aspettative culturali. La pressione a cui sono sottoposte le aziende — che devono restare al passo con i ritmi dell'innovazione mantenendosi competitive nel digitale — è alta. Questo è l'altro significato della trasformazione digitale, e indica come un'organizzazione può trasformarsi per offrire servizi migliori ai clienti garantendo vantaggi con modalità più innovative.

Con la trasformazione digitale, nuove tecnologie e applicazioni vengono integrate nell'infrastruttura esistente per cambiarne radicalmente il modus operandi. La tecnologia da sola non è tuttavia sufficiente. Occorre infatti modificare i processi e la cultura di un'organizzazione, perché se non si riescono a superare i vecchi ostacoli che impediscono all'azienda di adattarsi, anche l'efficienza delle applicazioni e dell'infrastruttura perde di importanza.


Cosa non è la trasformazione digitale?

La trasformazione digitale non si limita all'adozione del cloud e all'automazione dei processi. Non è quindi un prodotto o una soluzione da acquistare, ma un approccio che ha un impatto su tutto ciò che riguarda l'IT, in qualsiasi settore. Implica una trasformazione a 360 gradi, non solo delle tecnologie. Inoltre, non ha mai fine.

In una certa misura, la trasformazione digitale riguarda la cultura dell'azienda, ma non è questo il punto di partenza. La cultura è il risultato della leadership, dei processi e dei sistemi. Si tratta perciò di cambiare il ruolo dei leader, e di conseguenza i processi e i sistemi aziendali. Occorre studiare e valutare le strategie in grado di massimizzare il potenziale dei talenti di un'azienda che le consentono di prepararsi al cambiamento cogliendo le opportunità che questo offre per diventare leader nel XXI secolo.

Jim Whitehurst, presidente e CEO di Red Hat

Cosa significa leadership digitale

Nella parola “trasformazione” c'è il senso implicito di qualcosa che finisce, diventando qualcosa di diverso. Tuttavia, le nuove tecnologie e capacità continueranno a emergere e a evolversi. In questo senso, consideriamo queste iniziative volte a stimolare il cambiamento come una leadership digitale.

Si tratta infatti di trasformare la leadership di un'azienda in competenze tecnologiche. I confini tra l'IT e la strategia di business sono sempre meno netti. I leader del digitale superano le distinzioni tra i reparti aziendali per adottare forme di collaborazione verso obiettivi comuni. E per capire quali sono quelli realizzabili, acquisire conoscenze tecniche è indispensabile. Allo stesso modo, i leader dell'IT devono allinearsi alle strategie di business dell'azienda.

I leader del digitale adottano la tecnologia in modo consapevole: ne evidenziano i vantaggi, rendendola parte integrante della cultura aziendale. Cercano di individuare le problematiche risolvibili dalla tecnologia, di integrare nuove soluzioni con l'infrastruttura esistente e di mettere a disposizione dei propri team la formazione necessaria a creare le competenze di cui hanno bisogno.

Obiettivi di un leader del digitale

  • Creare vantaggi misurabili per l'azienda.
  • Sostenere il ruolo e l'importanza dell'IT nell'organizzazione.
  • Colmare le lacune nelle competenze.
  • Agevolare la collaborazione tra i team.
  • Consentire alle risorse di dedicarsi alle attività strategiche.
  • Minimizzare i rischi.
  • Offrire maggiore affidabilità, scalabilità e sicurezza dell'IT.

Forse ciò che più conta è che i leader del digitale siano disposti a sperimentare nuove soluzioni e scenari attraverso un approccio flessibile. È importante far capire alle persone che la costante evoluzione è un dato di fatto e che il modo di lavorare va cambiato, non perché sbagliato, ma per affrontare meglio tali trasformazioni. Gli strumenti stanno cambiando, le opportunità a disposizione sono più numerose.

Per avere successo oggi servono un nuovo approccio, qualche tentativo al buio e anche quale errore. Il fallimento infatti indica che si è imparato cosa non funziona. Raccontare i propri errori non è facile per tutti, ma i leader più innovativi vedono nei propri errori opportunità di apprendimento indispensabili. Imparare dagli errori deve essere parte fondamentale della cultura aziendale.

I grandi cambiamenti iniziano con piccoli passaggi ripetitivi.

Il percorso verso la trasformazione digitale

Come avviene la trasformazione digitale

Poiché il punto di partenza è diverso per ogni azienda, non esiste framework, playbook o roadmap per la trasformazione digitale che abbia validità universale. Alcune aziende hanno la necessità di riconsiderare il software, le metodologie di sviluppo, i processi aziendali e le responsabilità dei team esistenti, mentre ad altre basta semplicemente aggiungere qualche nuova funzione all'architettura esistente.

Adottare il digitale è una strategia a lungo termine e non una tattica provvisoria, e deve prevedere una sostanziale trasformazione culturale e tecnologica che consenta di conseguire obiettivi sul piano organizzativo e dei risultati aziendali. Il cambiamento non deve essere destabilizzante, perché un progresso, anche se graduale, è comunque un progresso. L'obiettivo è quello di farsi trovare preparati di fronte ai cambiamenti imposti dal mercato, acquistando la capacità di prevederli.


I motivi promotori della trasformazione digitale

Viviamo in un mondo digitale, e ci aspettiamo che la tecnologia sia sempre al nostro servizio. Per questo le aziende devono investire in tecnologie che servano dipendenti e consumatori nel modo previsto. Cloud, app per dispositivi mobili e soluzioni "as-a-Service" richiedono nuove tipologie di storage, analisi, automazione e gestione. Un'innovazione ne porta con sé altre; le nuove tecnologie migliorano i processi, consentendo di ottenere prodotti e servizi migliori, a fronte dei quali i clienti chiederanno ulteriori miglioramenti, affinché soddisfino le loro aspettative.

Perché scegliere Red Hat?

I valori dell'open source, come la meritocrazia, la creazione di community e la trasparenza stanno trasformando il nostro approccio al lavoro e alla vita. Crediamo che l'apertura sia il modello predefinito per l'innovazione nel ventunesimo secolo. Red Hat lavora così,

offrendo strumenti, principi e standard che costituiscono la base della flessibilità e dell'innovazione. Insieme, possiamo aiutarti a trasformare la cultura della tua azienda, consentendole di continuare a crescere e di promuovere approcci adattabili e collaborativi.

Con il nostro framework open source e la gamma di offerte, Red Hat può aiutarti a trasformare la tua azienda, accelerando l'innovazione e incentivando la collaborazione tra personale, processi e tecnologia.


L'approccio open source a cultura, processi e tecnologie

Puoi adottare la trasformazione digitale con metodologie proprietarie o open source, ma solo quest'ultimo può accelerare l'evoluzione.

Tutte le tecnologie che promuovono la trasformazione digitale (big data, mobile, cloud, container) sono open source. La principale implementazione di Big Data (Hadoop) si basa su una tecnologia open source. Il principale sistema operativo mobile, Android, si basa su Linux®. I più diffusi container (Kubernetes e Moby) sono open source. I più importanti provider di cloud pubblico odierni usano software open source, e il prodotto per cloud privato più usato è OpenStack®.

Se la trasformazione digitale avviene attraverso tecnologie open source, si può dire che la trasformazione digitale è intrinsecamente open source.

E anche Red Hat si fonda su tecnologie open source.

Continua a leggere sulla trasformazione digitale

Report HBR

Reassessing digital transformation

Post del blog

Organizing for innovation

E-book

La trasformazione digitale secondo il metodo open source

Insieme verso la trasformazione digitale

Red Hat Open Innovation Labs

Laboratori gestiti da esperti Red Hat, dove imparare ad usare una metodologia agile e strumenti open source per superare le sfide della trasformazione digitale.

Red Hat Consulting

I nostri consulenti strategici possono aiutarti a raggiungere i tuoi obiettivi usando soluzioni complete ed economiche.

Il tuo team è pronto per l'innovazione?

Per competere sul mercato di oggi la tecnologia non basta. Misura il livello di maturità della cultura, dei processi e delle piattaforme della tua azienda e scopri i passi da compiere per continuare il tuo percorso di trasformazione digitale.

La trasformazione digitale offre molti altri vantaggi

  1. *Il marchio denominativo OpenStack® e il logo OpenStack sono marchi commerciali/di servizio di proprietà della OpenStack Foundation o marchi commerciali/di servizio registrati negli Stati Uniti e in altri Paesi, e sono da utilizzarsi previa autorizzazione della OpenStack Foundation. Red Hat non ha rapporti di affiliazione con la OpenStack Foundation o con la community di OpenStack, né riceve da esse sponsorizzazioni o finanziamenti.