Accedi / Registrati Account

Argomento

I vantaggi dei servizi dati

I servizi dati aumentano il valore dei dati aziendali, che potranno essere impiegati nelle applicazioni cloud native, un elemento di base delle strategie IT per il cloud ibrido open source.

Jump to section

Cosa sono i servizi dati?

Con servizi dati (anche detti Data-as-a-Service o data services) si indicano raccolte di piccole funzioni indipendenti e a basso accoppiamento utilizzate per l'ottimizzazione, l'organizzazione, la condivisione e l'elaborazione dei dati in base a informazioni acquisite e salvate su volumi per l'archiviazione dei dati. Consentono di potenziare i dati tradizionali migliorandone resilienza, disponibilità e validità e aggiungendo caratteristiche che non sono originarie dei dati stessi, come i metadata.

Open your possibilities: Gli esperti di Red Hat parlano dei vantaggi, del ruolo e delle sfide legate ai servizi dati. Guarda il video per scoprire l'utilità dei servizi dati per i diversi team aziendali.

Data services: come funzionano?

Si tratta di unità complete di funzioni software che offrono ai dati caratteristiche di cui sono sprovvisti, rendendoli più disponibili, resilienti, completi e di conseguenza più utili a utenti e programmi.

Le funzioni dei servizi dati trasformano gli input in output. I primi sono set diversificati di dati grezzi — cioè dati non elaborati per un fine specifico — configurati nel loro formato nativo e salvati su volumi di storage fisici, virtuali o cloud. Gli output possono invece essere:

  • Dell'organizzazione: consolidamento, raggruppamento e struttura dei dati, in genere ottenuti da sorgenti dati strutturate (database), semi-strutturate (data warehouse) o non strutturate (data lake).
  • Trasferibili: lo spostamento dei dati in una rete, dal luogo di origine al punto di arrivo, ad esempio un'applicazione o una piattaforma.
  • Procedurali: l'elaborazione dei dati, in genere nell'ambito di software di modellazione e analisi dei dati o di intelligenza artificiale/machine learning (IA/ML).

A cosa servono i servizi dati?

DATI INATTIVI

Dati salvati in volumi di storage. I servizi dati astraggono i dati grezzi dalle loro sorgenti — ad esempio i record di clienti ottenuti dai database OLTP (Online Transactional Processing), informazioni sui danni alle proprietà dai data warehouse, immagini o video dai data lake — e applicano principi di governance, organizzativi e di gestione che rendono i dati utili per le applicazioni e accessibili agli utenti. Sono un elemento fondamentale delle strategie basate sui big data in quanto rendono fruibili grandi raccolte di dati strutturati, semistrutturati o non strutturati, archiviati in un unico luogo.

DATI IN MOVIMENTO

Dati che si spostano dal proprio storage per confluire in un'applicazione o una piattaforma, in genere in tempo reale. I servizi dati possono creare pipeline di dati che ne agevolano lo spostamento continuo tra più endpoint. Possono, ad esempio, aiutare le organizzazioni nel passaggio dall'elaborazione dei dati in batch all'elaborazione basata sugli eventi agendo sui dati stessi non appena questi vengono generati. I servizi dati aiutano anche a garantire che i dati non vengano mai rimossi dalla propria origine, in modo che più endpoint possano usare lo stesso datapoint simultaneamente. Il metodo è utile per creare architetture scalabili e basate su eventi.

DATI ATTIVI

Dati attivi raggruppati in data set che vengono utilizzati da software di data science, analisi dei dati, modellazione dei dati. I servizi dati migliorano l'accesso dei dati alle piattaforme di elaborazione dati intelligenti e ad alte prestazioni, come quelle degli strumenti di IA/ML e deep learning. A seconda del servizio dati, i dati attivi possono includere raccolte di micro servizi indipendenti e a basso accoppiamento, in genere raggruppati in container e orchestrati tramite una piattaforma Kubernetes.

Senza i servizi dati che agevolano la collaborazione tra sviluppatori e data scientist durante lo spostamento dei dati tra sistemi, lo sviluppo di applicazioni cloud native non sarebbe possibile. In presenza di più modifiche al codice che utilizzano gli stessi dati, i tempi di realizzazione si allungano, ma un servizio dati come Red Hat® OpenShift® Data Foundation può ridurre gli intervalli di tempo tra le build simultanee.

Storage tradizionale e servizi dati

Archiviazione dati tradizionale

È la raccolta e la conservazione di informazioni digitali grezze, ovvero bit e byte che costituiscono applicazioni, protocolli di rete, documenti, supporti, rubriche dei contatti, preferenze degli utenti e molto altro. Quando si salva un documento e si sceglie una posizione, si avvia un processo di storage dei dati. In genere, l'utente visualizza lo storage dei dati a livello di infrastruttura, e raramente può individuare le connessioni tra i volumi di storage. Non c'è, ad esempio, una modalità nativa di visualizzare ogni file, blocco o oggetto salvato in una workstation, provider di storage su cloud e unità disco esterna; per questa ragione l'analisi dello storage dei dati è un'attività manuale e monolitica.

Servizi dati

Il software impiega i dati salvati su volumi di storage tradizionali come input per creare output specifici oppure software che potenzia i dati tradizionali migliorandone resilienza, disponibilità e validità. Gli utenti interagiscono in genere con i servizi dati in un'applicazione, rendendo il processo flessibile e personalizzabile. Il servizio dati fornito da Red Hat OpenShift Data Foundation, ad esempio, astrae l'infrastruttura di storage in modo che i dati possano essere archiviati in posizioni diverse, ma agisce come un singolo repository persistente.

Chi utilizza i servizi dati?

Il Massachusetts Open Cloud (MOC) si avvale dei servizi dati. Il MOC è un'iniziativa nata con l'obiettivo di sviluppare un'infrastruttura comune basata sul cloud in cui aziende, enti pubblici e associazioni non profit potessero analizzare big data. Il MOC si avvale di Red Hat Ceph Storage, un servizio di storage software defined, per organizzare e condividere grandi volumi di dati con più entità che eseguono piattaforme per l'analisi dei dati personalizzate.

Scegli soluzioni Red Hat per i servizi dati

I nostri servizi dati non solo funzionano ottimamente con ogni fornitore di data storage ma sono progettati per sostenere lo sviluppo applicativo cloud native

Puoi quindi utilizzare qualsiasi datacenter o cloud desiderato e iniziare a implementare tutti i dati nelle tue app cloud native in costante evoluzione. I servizi dati di Red Hat ti consentono di ottimizzare i dati aziendali meno recenti e inserirli nelle tue app cloud native per ottenere informazioni importanti con le quali superare anche le sfide future più complesse.

Inizia a utilizzare i servizi dati

Red Hat OpenShift Data Foundation

Storage software defined per ambienti container.

Tutti i vantaggi dei servizi dati